Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Riscaldamento elettrico a pavimento - 17297


Dr. house
login
09 Dicembre 2007 ore 18:09 12
Salve a tutti.
sono in fase di ristrutturazione. Avrò i pannelli fotovoltaici. Volevo abbiare un riscaldamento elettrico a pavimento con termostrisce ma .......sarà conveniente? funziona?
Qualcuno li ha installati nella propria abitazione e sa darmi qualche informazione??
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Domenica 9 Dicembre 2007, alle ore 18:20
    Cioè?una termofora infilata stto al pavimento?e quando non c'è il sole chi te li da i 10kw necessari?cioè fai un impianto fotovoltaico da 10kw? quanto è grande casa tua?hai pesanto a queste cose tutto da solo o sei stato aiutato da qualcuno?per esempio chi vende fotovoltaico
    rispondi citando
  • the manager
    The manager Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 10 Dicembre 2007, alle ore 08:27
    Purtroppo questo e' un esempio dei danni che fa internet!
    Troppe informazioni inutili e fuorvianti.

    Scusa la provocazione:
    E se usi le termostrisce per riscaldare casa, perche non usi una vernice al Trizio per illuminarla ?

    Cosi' eviti i lampadari no ?
    rispondi citando
  • pulpfiction74
    Pulpfiction74 Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 10 Dicembre 2007, alle ore 11:19
    Se la tua intenzione è fare andare il riscaldamento a pavimento "elettrico " usando l energia prodotta dal fotovoltaico, te lo sconsiglio assolutamente ......devi pensare che il riscaldamento lo devi usare nel periodo invernale e in tale periodo la luce solare è minima, e in più di notte useresti corente dalla rete quindi questo sistema non può andare.........
    rispondi citando
  • archibagno.it
    Archibagno.it Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 10 Dicembre 2007, alle ore 12:27
    Forse al sud, potrebbe essere interessante, ma non certo a Torino, dove il sole è un optional d'inverno...
    rispondi citando
  • dr. house
    Dr. house Ricerca discussioni per utente
    Martedì 11 Dicembre 2007, alle ore 13:05
    Grazie per le risposte
    rispondi citando
  • fulvio_d
    Fulvio_d Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 12 Dicembre 2007, alle ore 08:31
    Penso che prima di dare dello sprovveduto a qualcuno bisognerebbe avere qualche dato in mano per fare quattro conti e dare una risposta, senza prenderlo per il sedere con la vernice al trizio...
    Probabilmente non sarà conveniente ma non è detto:
    -se la casa fosse molto ben isolata e consumasse solo 4 o 5 kw?
    -cosa importa se di notte o periodo invernale i moduli producono di meno?
    il conto energia non permette forse di "accumulare virtualmente" la propria produzione in rete?
    -quanto è accresciuto il valore di un appartamento ad emissioni zero?

    Tutti vogliono caldaia a condensazione e pannelli a pavimento (vedi i danni che fa internet)
    quante ore funziona al giorno un impianto a pavimento? ve lo dico io, è quasi sempre acceso alla faccia delle basse emissioni....è un impianto che corre dietro alle esigenze dell' utente, se lo spegni e vuoi riscaldare una camera ci mette due ore...
    dr. house potrebbe risparmiare su contatore e bolletta gas, su caldaia con controlli annuali e sul camino

    io farei una valutazione economica prima di dire che non va bene

    saluti
    rispondi citando
  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 12 Dicembre 2007, alle ore 10:52
    Nel mio ambulatorio non per mia scelta ho il riscaldamento elettrico per far funzionare il fancoil. A meno che tu non abbia soldi da buttare o che posizioni i pannelli in mezzo al deserto personalmente consiglierei di evitare, per esperienza ti dico che le bollette della corrente sono più alte che quelle del CERN a Ginevra.
    rispondi citando
  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 12 Dicembre 2007, alle ore 11:46
    Nel mio ambulatorio non per mia scelta ho il riscaldamento elettrico per far funzionare il fancoil. A meno che tu non abbia soldi da buttare o che posizioni i pannelli in mezzo al deserto personalmente consiglierei di evitare, per esperienza ti dico che le bollette della corrente sono più alte che quelle del CERN a Ginevra.

    se hai i fan coil con la batteria ad acqua e le resistenze elettriche per il riscaldamento potresti pensare a metterci una pompa di calore con condensatore evaporativo, si mette all'interno e si collega all'esterno attraverso un foro a parete solo per far uscire l'aria
    rispondi citando
  • anonymous
    Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 12 Dicembre 2007, alle ore 22:07
    Non so bene come sia l'impianto, c'è un affarone gigante nel cortile, uno per ogni appartamento e con quello si crea il caldo, di più non so se non che è della samsung... Tutto è stato fatto dalla ditta di costruzione, noi abbiamo solo sganciato il grano quando tutto era già fatto.
    rispondi citando
  • luciom
    Luciom Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 13 Dicembre 2007, alle ore 11:22

    Tutti vogliono caldaia a condensazione e pannelli a pavimento (vedi i danni che fa internet)
    quante ore funziona al giorno un impianto a pavimento? ve lo dico io, è quasi sempre acceso alla faccia delle basse emissioni....è un impianto che corre dietro alle esigenze dell' utente, se lo spegni e vuoi riscaldare una camera ci mette due ore...


    io farei una valutazione economica prima di dire che non va bene

    saluti
    Appunto.. hai fatto una valutazione economica di un impianto radiante a bassa temperatura con caldaia a condensazione (ovviamente in un appartamento ben isolato) con un impianto analogo a termosifoni a parità di isolamento? E dei costi di manutenzione dei muri? e dei mq di pareti che diventano arredabili e non più vincolate dai termosifoni? Tutto costa.
    Che c'entra il fatto che una caldaia a condensazione funziona sempre con la sua microfiamma? l'importante sono i mq di metano alla fine del mese.. la bolletta per intenderci. E il mio impianto (giusto per fare un esempio) consuma circa il 25% meno dell'appartamento di sotto che è anche più piccolo.. e per non parlare del comfort.
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img francoli
Salve avrei bisogno di sapere se dopo la prima scadenza di un contratto di locazione (4+4) con rinnovo automatico per i 4 anni a seguire, ad un anno circa dalla scadenza dello...
francoli 05 Gennaio 2007 ore 08:07 3
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 1
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img anonymous
Salve a tutti, sono nuovo del forum e volevo esporvi un quesito...sto valutando di comprare un appartamento al 1° piano in un condominio composto dal "mio" appartamento...
anonymous 02 Marzo 2007 ore 12:30 14
Img anonymous
Vivo in un condominio da 3 appartamenti.Nell'interrato sono situati i tre garage.L'area di manovra NON è proprietà comune ma PRIVATA (divisa in tre, con ovvie...
anonymous 03 Maggio 2007 ore 10:05 4
REGISTRATI COME UTENTE
308.095 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Weber