Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Pompa di calore - 7364


Claude57
login
20 Luglio 2006 ore 17:08 20
Sapete per caso quali ditte in Italia ed Piemonte in particolare si occupano di vendita ed installazione di pompe di calore?
Grazie
  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, all or 17:13
    Non mi è molto chiara la domanda...
    Le ditte intese come produttori o istallatori?
    In genere le PdC di ogni marca vengono acquistate e montate dagli impiantisti o vengono acquistate privatamente e fatte montare da impiantisti
    rispondi citando
  • claude57
    Claude57 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, all or 17:17
    No.. Visto che sono interessato ad installarne una, vorrei farmi fare dei preventivi.
    rispondi citando
  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 20 Luglio 2006, all or 17:21
    Il preventivo devi farlo fare a qualsiasi impiantista...
    occhio alla tipologia, marca, potenza e numero di unità da istallare...
    Se puoi descrivi la tipologia di impiego della PdC... provo a darti dei consigli
    rispondi citando
  • claude57
    Claude57 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Luglio 2006, all or 12:32
    E' per una casa con superficie abitabile di 140 mq in campagna con un pezzo di terreno adiacente di 700 mq , vorrei utilizzare la PDC per il riscaldamento con caloriferi a bassa temperatura dell'acqua, so che probabilmente dovrò fare un contratto Enel di almeno 4.5 KW.
    Grazie
    rispondi citando
  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Luglio 2006, all or 12:44
    Scusa ma allora non avevo capito...
    In questo caso a te servirebbe un mini chiller a pompa di calore, cioè una motocondensante associata ad uno scambiatore gas-acqua. Macchine di questo tipo le produce la Daikin ma non sono molto economiche.
    Nel tuo caso si potrebbero utilizzare svariati sistemi e ad esempio:
    -Sistema multisplit ad espansione diretta, cioè il classico condizionatore a PdC
    -Caldaia a condensazione con fancoil (convettori a bassa temperatura) o pannelli radianti a parete o a soffitto
    -Pannelli solari termici integrati con caldaia a condensazione con fancoil o pannelli radianti.
    Questi sono i sistemi che puoi applicare in ordine di costo d?investimento e risparmio di gestione crescente.
    A disposizione per ulteriori domande
    rispondi citando
  • claude57
    Claude57 Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Luglio 2006, all or 18:01
    Ti ringrazio molto
    Adesso ho un po' di metodi da analizzare in rete
    mi mancavano appunto i nomi dei vari sitemi pdc

    Ciao, Caudio
    rispondi citando
  • radiante
    Radiante Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 21 Luglio 2006, all or 18:15
    Montando un ciller acqua aria dovrebbe bastarti un 6kw assorbiti circa,fai un impianto a fan-coil e per i bagni monti dei bei radiatori e i termoarredi per gli accappatoi con impianto separato ,abbina una caldaia a condensazione che serve per fare acqua calda e da usare nelle punte di freddo quando il ciller fatica a rendere,in estate chiudi la sezione radiatori e raffreschi tutta la casa premendo il pulsantino apposito
    rispondi citando
  • claude57
    Claude57 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 22 Luglio 2006, all or 09:00
    Allora...
    Sinceramente visto che devo cambiare la caldaia a gasolio, prima pensavo di fare il contratto per l'allacciamento al metano visto che la conduttura passa davanti a casa ed acquistare una caldaia a metano nuova (pensavo ad una Vaillant), e poi integrare con una termostufa a legna e magari un pannello solare solo per l'acqua calda dei sanitari.
    Poi ho pensato alla PDC, ma non conosco questo sistema e tuttora mi sembra un po' complicato e ho anche il dubbio che mi venga a costare troppo visto che dovrei anche sostituire tutti i termosifoni in ghisa con dei fan coil. Secondo voi quale delle due soluzioni mi consigliate?
    Grazie
    rispondi citando
  • moltenaus
    Moltenaus Ricerca discussioni per utente
    Sabato 22 Luglio 2006, all or 10:55
    Secondo me la soluzione meno incasianta, più economica e "pulita" è montare gli elettroradiatori (vedi mesg. priv.) più una piccola caldaia per l'acqua sanitaria, eventualmente con un piccolo impianto termico solare per l'acqua calda sanitaria.
    Se puoi spendere di più, ma anche ricavarci un bel 9-10% all'anno sull'investimento, invece fai un bell'impianto fotovoltaico, sempre abbinato a quanto sopra ed entri in classifica per vincere il premio per il "Più ecologico del Piemonte"

    A parte gli scherzi, in tutti gli ambienti in cui sono stato, riscaldati con fan coil il livello di comfort non è mai stato il massimo, la PDC per quanto offra buone prestazioni è comunque un prodotto che soffre alle basse temperature, e presenta comunque molti dei difetti di comfort che hanno i fan coil. imho
    rispondi citando
  • claude57
    Claude57 Ricerca discussioni per utente
    Domenica 23 Luglio 2006, all or 07:50
    Ci sono 7 stanze, 2 ingressi e 2 bagni, quindi mi ci vorrebbero 11 elettroradiatori, calcolando una media di 450 watt a radiatore (ma di picco vanno più su e quando si attaccano tutti insieme non oso immaginarlo...),
    fanno 450 x 11 = 4950 watt Sommati ai normali consumi vanno ben oltre i 6000 watt Che contratto devo fare con l'Enel???? Che tariffe mi verranno applicate anche sugli altri elettrodomestici?? Non vedo questo risparmio.
    Comunque grazie, ma questa soluzione col costo dell'energia elettrica in Italia mi sembra una pazzia...
    rispondi citando
  • claude57
    Claude57 Ricerca discussioni per utente
    Domenica 23 Luglio 2006, all or 08:00
    Anzi il calcolo sarebbe con una media di 600 watt:
    600 x 11 = 6600 watt!!!!! SOLO PER GLI ELETTRORADIATORI!!!

    E con un costo medio di 400 euri a termosifone andiamo a:
    400 x 11 = 4400 euro di spesa iniziali (ad essere ottimisti)


    E' DA PAZZI!!!!!
    rispondi citando
  • moltenaus
    Moltenaus Ricerca discussioni per utente
    Domenica 23 Luglio 2006, all or 10:57
    Scusa claude, ma quanto pensi di spendere per allacciamento+caldaia+stufa a legna ?
    Non calcolo l'allacciamento perché non so i costi ma una caldaia da 24 Kw un pò buona 2500 euro + stufa 2500 euro = 5000 euro senza installazione.
    Mi sembra che hai già superato la cifra degli elettroradiatori....
    A questi costi devi sommare i controlli fumi obbligatori e la revisione annuale almeno 150 euro anno + i consumi elettrici di stufa e caldaia, a grandi linee almeno altri 100 euro anno.
    Se prendi PDC + caldaia mi sa che 7000 euro non ti bastano e comunque devi chiedere un contratto Enel di maggior potenza.

    Secondo punto i consumi elettrici:
    Il fatto che ogni radiatore sia indipendete ti permette di gestirlo in modo autonomo, (per esempio con una spina temporizzata), quindi magari non sempre sarà necessario accendere tutti e 11 i radiatori contemporaneamente. Se i tuoi calcoli sono corretti per essere tranquillo dovresti chiedere un contratto da 8 Kw ... se non ricordo male il costo per ogni Kw superiore a 3 Kw standard è di 80 euro una tantum ... non sono sicuro comunque dovresti pagare 400 euro per avere gli 8 Kw una sola volta, poi i costi fissi e dei consumi sono identici per tutti i contratti da 4,5 Kw in su. Rispetto ai 3 Kw avrai solo 2 tariffe, una notturna e una diurna (+o- 0,17 euro Kw e 0,20 euro Kw) ....

    Il calcolo sulla convenienza lo devi fare sommando tutte le voci di spesa, non ha senso pensare che spendendo di più per il frigorifero o la tv (che hanno comunque consumi limitati) significhi vanificare la convenienza di questo sistema.
    Ipotizziamo che tu oggi per gli elettrodomestici spendi all'anno 800 euro + 2000 per il riscaldamento Totale= 2800 euro
    Con questo sistema, se come dici tu paghi il doppio per gli elettrodomestici avrai 1600 euro + 1000 per il riscaldamento = 2600 euro (hai risparmiato 200 euro)

    Il calcolo è fatto a grandi linee ma solo per farti notare che la voce di spesa vera è il riscaldamento, quindi abbatendo questo costo del 50% hai comunque un risparmio.
    Considera poi niente blocchi caldaia, niente manutenzione, niente fumi, niente legna da tagliare ecc. ecc., anche queste cose hanno un costo sia in tempo che in denaro ...

    Dal 2007 poi dovrebbe essere liberalizzato anche il mercato elettrico per i privati, quindi con maggior concorrenza potrebbero calare un poco anche i costi dell'elettricità, e soprattutto potrai utilizzare energia prodotta esclusivamente da fonti rinnovabili (offerta tipo quella di LA 220 per le aziende).

    Sono intervenuto solo per farti notare che i calcoli che a prima vista possono sembrare una cosa, se approfonditi e confrontati, magari possono cambiare aspetto, restando comunque il fatto che 1+1 farà "sempre" 2.
    In ogni caso i soldi sono tuoi e sei tu che devi decidere quindi buona scelta, ciao alla prossima
    rispondi citando
  • claude57
    Claude57 Ricerca discussioni per utente
    Domenica 23 Luglio 2006, all or 17:10
    Ti ringrazio, ma preferisco altri metodi alternativi all'energia elettrica...

    Quindi tornando al mio quesito iniziale:
    secondo voi è meglio il metano integrando con una termostufa e un pannello solare per i sanitari (in questo caso terrei i termosifoni in ghisa ancora in buonissimo stato) oppure meglio optare per l'impianto di una pompa di calore con in più l'acquisto di nuovi caloriferi a bassa temperatura e un contratto Enel più salato (a 6 kw) dati i maggiori consumi per la PDC???

    Grazie per i vostri consigli
    rispondi citando
  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Luglio 2006, all or 08:32
    Eccomi nuovamente qui.
    Secondo me l'ottimo, inteso come rapporto investimento costo di gestione, considerando anche il confort ambientale è quello di istallare dei pannelli solari termici per la produzione completamente gratuita di acqua calda sanitaria e per il riscaldamento. E' opportuno valutare anche se l'acqua calda può essere inviata nella lavatrice e lavastoviglie... che risparmi...
    Quando i pannelli solari non riescono a produrre acqua calda a sufficenza il sistema verrà integrato con una caldaia a condensazione.
    Ricordati però che con un tale sistema devi adottare, internamente sistemi a bassa temperatura ... fancoil o pannelli radianti....
    Per il max confort ti convengono i pannelli
    rispondi citando
  • moltenaus
    Moltenaus Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Luglio 2006, all or 08:35
    Ti ringrazio, ma preferisco altri metodi alternativi all'energia elettrica...

    Quindi tornando al mio quesito iniziale:
    secondo voi è meglio il metano integrando con una termostufa e un pannello solare per i sanitari (in questo caso terrei i termosifoni in ghisa ancora in buonissimo stato) oppure meglio optare per l'impianto di una pompa di calore con in più l'acquisto di nuovi caloriferi a bassa temperatura e un contratto Enel più salato (a 6 kw) dati i maggiori consumi per la PDC???

    Grazie per i vostri consigli


    Se preferisci altri metodi alternativi all'energia elettrica, non vedo come la tua seconda ipotesi possa esserti congeniale ...
    Mi sembra tu sia già orientato, hai delle convinzioni, quindi vai dritto per la tua strada.
    Io penso che difficilmente qualcuno possa dirti esattamente cosa è meglio in assoluto, ma solo sulla base delle proprie esperienze suggerirti delle alternative; la scelta finale deve essere comunque tua, altrimenti mettiti nelle mani di un termotecnico che ti consiglierà in primo luogo in base comunque alle sue esperienze e ancora in primo luogo in base alla sua convenienza a farti fare un'impianto piuttosto che un altro.
    D'altra parte tu in questo momento disponi di tutte o quasi le informazioni necessarie: cubature dell'immobile, esposizione dell'immobile, localizzazione geografica dell'immobile, materiale di costruzione dell'immobile, livello di coibentazione, necessità di restauro più o meno profonda, resa termica di vari prodotti, costo dei vari prodotti, spazi disponibili per alloggiare i proddotti "termici", costi dei vari combustibili e relativi consumi delle macchine termiche, grana in tasca che sei disposto ad investire ... (dato quest'ultimo abbastanza importante), ecc. ecc.
    Sapere cosa è meglio per te, sapendo solo che la casa misura 140 mq ed è libera su 4 lati, mi sembra un pò poco, per un consiglio veramente oculato

    Ovvero la stufa a legna magari è bellissima, utilissima fantasticissima, ma se abiti a Milano centro ho paura che stoccare la legna per l'inverno sia un pò complicato e anche il costo della stessa non sia proprio economico, ovvero sei in una zona dove è facile procurarsi legna decente a prezzi competitivi? Hai il posto dove metterla, o devi costruirti un capanno per stoccarla? Forse il capanno ti costa più del contatore da 8 Kw...
    Ciao alla prossima
    rispondi citando
  • claude57
    Claude57 Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Luglio 2006, all or 12:21
    Scusa moltenaus, ma credo anche che quando tu dici:

    ****************************************************
    Ipotizziamo che tu oggi per gli elettrodomestici spendi all'anno 800 euro + 2000 per il riscaldamento Totale= 2800 euro
    Con questo sistema, se come dici tu paghi il doppio per gli elettrodomestici avrai 1600 euro + 1000 per il riscaldamento = 2600 euro (hai risparmiato 200 euro)
    ****************************************************

    con un contratto a 8 kw e con 11 radiatori elettrici accesi per facciamo almeno 12 ore al giorno d'inverno (in Piemonte fa freddo..) quei "1000 euro per il riscaldamento" dovrebbero essere aumentati e di molto anche...
    Ti ringrazio molto comunque per i consigli preziosi.
    Ciao, Claude
    rispondi citando
  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Luglio 2006, all or 12:29
    Secondo me l'ottimo, inteso come rapporto investimento costo di gestione, considerando anche il confort ambientale è quello di istallare dei pannelli solari termici per la produzione completamente gratuita di acqua calda sanitaria e per il riscaldamento. E' opportuno valutare anche se l'acqua calda può essere inviata nella lavatrice e lavastoviglie... che risparmi...
    Quando i pannelli solari non riescono a produrre acqua calda a sufficenza il sistema verrà integrato con una caldaia a condensazione.
    Ricordati però che con un tale sistema devi adottare, internamente sistemi a bassa temperatura ... fancoil o pannelli radianti....
    Per il max confort ti convengono i pannelli
    rispondi citando
  • claude57
    Claude57 Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Luglio 2006, all or 12:32
    Si pensavo anch'io ad una caldaia a metano a condensazione e integrare con dei pannelli solari. Ma vorrei integrare anche con la termostufa a legna, abito in campagna e la legna non è un problema e poi ho molto spazio per metterla.
    rispondi citando
  • montyfranc
    Montyfranc Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 24 Luglio 2006, all or 13:47
    Se le cose stanno così.... ottima idea...
    Una cosa simpatica potrebbe essere anche quella di mettere un termocamino così interviene in caso di deficit dei pannelli e poi... in una casa in campagna il camino ha il suo fascino
    rispondi citando
  • claude57
    Claude57 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 25 Luglio 2006, all or 13:05
    Si credo anch'io... Grazie dei consigli
    Ciao, Claude
    rispondi citando
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img nhio
Ne approfitto di nuovo di questo forum per cercare di trovare risposta ad un dubbio al quale non trovo risposta nonostante abbia cercato ovunque online. Sono in procinto di...
nhio 21 Agosto 2020 ore 17:36 1
Img francescapierro
Salve, sto ultimando la costruzione di una villetta a Roma, zona Infernetto. Ho previsto, a livello di tubi, il gas ma ora vorrei da voi un consiglio per capire se, per il...
francescapierro 03 Agosto 2020 ore 22:53 5
Img deky28
Ciao a tutti, dal Decreto Crescita non mi è chiara una cosa, a me sembra non specificata. Io ho una vecchia caldaia e un vecchio clima dual con pompa di calore. Se io...
deky28 03 Agosto 2020 ore 19:12 9
Img espositodaniele
Buongiorno, sto acquistando un attico in un condominio, probabilmente ci sarà la possibilità di installare un impianto fotovoltaico sul pergolato del terrazzo e...
espositodaniele 07 Giugno 2020 ore 20:38 2
Img lcusati
Ciao a tutti, Vi propongo un quesito a cui nessuno ha saputo ancora darmi una risposta. Sto per ristrutturare un appartamento (in un condominio) dalla a alla z. Dovrei rifare...
lcusati 18 Maggio 2020 ore 09:19 4
Notizie che trattano Pompa di calore - 7364 che potrebbero interessarti


Nuovo sistema ibrido con pompa di calore e condensazione

Impianti di climatizzazione - La nuova pompa di calore combinata a un generatore a condensazione che raffresca e riscalda gli ambienti, produce acqua calda e aumenta l'efficienza energetica.

Pompa calore, caldaia, solare termico

Impianti - Le pompe di calore aria/acqua possono essere utilizzate anche in combinazione con altri generatori o sistemi termici, producendo i cosiddetti sistemi integrati.

Dimensionamento Pompa di Calore Caldo Freddo

Impianti di riscaldamento - Le prime cose da valutare scegliendo una pompa di calore, per riscaldamento e condizionamento, sono le caratteristiche dell'edificio e le temperature esterne.

Pompa ad alta efficienza per riscaldamento e condizionamento

Impianti - La pompa di calore è una macchina che, con un fluido frigorigeno, trasferisce calore da un ambiente a temperatura più bassa ad uno a temperatura più alta.

Sistemi integrati di climatizzazione

Impianti - Sistemi intelligenti che coordinano il funzionamento di pannelli solari termici, pompe di calore e caldaie a condensazione, al fine di ottenere alti livelli di efficienza complessiva dell'impianto.

Il sistema ibrido caldaia a condensazione con pompa di calore ad aria

Impianti di riscaldamento - Con il nuovo sistema ibrido caldaia a condensazione con pompa di calore ad aria, riscaldare la casa e produrre l'acqua calda sanitaria costa meno e conviene!

Detrazione 65% per sistemi di riscaldamento integrati caldaia+pompa di calore

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata sul sito dell'Enea una faq che chiarisce la detraibilità al 65% di sistemi di riscaldamento integrati costituiti da caldaia a condensazione e pompa di calore.

Integrazione Pompe di Calore

Impianti di riscaldamento - Le pompe di calore possono necessitare di integrazioni per aumentare le prestazioni in termini di produzione energetica, nel caso di particolari condizioni climatiche.

Riscaldamento a pompa di calore: nuova tariffa elettrica

Impianti di riscaldamento - L'Autorità per l'Energia ha annunciato che dal 2014 sarà in vigore una nuova tariffa elettrica agevolata per impianti di riscaldamento domestico a pompa di calore.
REGISTRATI COME UTENTE
316.927 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//