Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2021-02-10 18:39:36

Intonaco termico è veramente efficace o baggianata?


Cangaceiro
login
12 Dicembre 2010 ore 11:28 22
Salve,
mi ritrovo a ricoprire lo spazio che c'è tra telaio in legno della finestra e la muratura preesistente costituita da mattoni e pietre del 1900. Più esattamente dovrò andare "sopra" poiché tra muratura e telaio c'è la famosa schiuma poliuretanica.

Fatta questa premessa, per detta intonacatura interna (siamo a 5 metri da terra), la domanda è:

Ha senso acquistare un sacco di premiscelato per realizzare dell'intonaco termico? è realmente efficace? ha qualche controindicazione?quale è la migliore marca che lo produce sul mercato?

oppure è una baggianata è alla fine va bene utilizzare anche una malta premiscelata costituita da Cemento Portland, calce idraulica naturale ed additivi vari utile al contempo sia per murare che intonacare?

Grazie.
  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Domenica 12 Dicembre 2010, alle ore 15:50
    La risposta è: dipende da quello che acquisti.
    personalmente utilizzo da ormai tanti anni uno speciale intonaco termico che racchiude -in un unico prodotto- leggerezza (150 kg/mc), termicità (0.045), fonoassorbenza e deumidificazione, tutti con valori certificati.
    di certo sul mercato trovi tanti intonaci falso-termici con lambda non dichiarato (forse perché troppo alto?) e peso specifico dagli 800 ai 1400 kg/mc.
    in generale più è alto il ps e meno termico risulta la miscela applicata.
    quindi, la scelta dipende dalle tue esigenze che sono??
    termicità? fonoisolamento? evitare condense o cosa?

  • claudiotermografia
    Claudiotermografia Ricerca discussioni per utenteRea Termografia
    Domenica 12 Dicembre 2010, alle ore 18:30
    Concordo con top-level, ed aggiungo, valuta bene se ne hai effettivamente bisogno

  • the manager
    The manager Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 13 Dicembre 2010, alle ore 10:29
    Il termointonaco non lo conosco, ma conosco molto bene le pitture termoisolanti.
    Infatti le ho utilizzate e le utilizzo con grande soddisfazione e risultati eccezionali.
    Pensate che l'ho applicata per la prima volta in una camera da letto esposta a Nord, con il classico problema della muffa negli angoli, dovuta alla condensazione dell'aria calda sulle pareti fredde (e quindi male isolate).
    Cio' risale a 5 anni fa e da allora...................nulla !!!!
    Nienete miffa o roba simile.
    E pensare che negli anni passati le ho provate tutte.
    Altrro che stratifigrafia, idrogrammetria, analisi, carotaggi, sezionamenti, trivellazioni inverstigazioni ed analisi varie.
    E la cosa piu' bella e' la sensazione di calore che si ha poggiando la mano su una parete cosi' trattata.

    Provare per credere.
    p.s.
    Ci sono diecine di post su questo argomento: ti consiglio di usare la funzione cerca.

  • cangaceiro
    Cangaceiro Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 13 Dicembre 2010, alle ore 16:53
    Quindi, la scelta dipende dalle tue esigenze che sono??
    termicità? fonoisolamento? evitare condense o cosa?

    tutto quello che hai scritto, voglio il top sul mercato a prescindere dal prezzo voglio avere il miglior materiale sulle mani ed il tuo le racchiude tutte, è il caso di dire che è proprio quello che cercavo.

  • cangaceiro
    Cangaceiro Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 13 Dicembre 2010, alle ore 17:00
    Il termointonaco non lo conosco, ma conosco molto bene le pitture termoisolanti.


    ti riferisci esclusivamente a pitture interne od anche esterne? molto interessante la tua esperienza personale.

  • marcolino1983
    Marcolino1983 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 16 Dicembre 2010, alle ore 13:08
    Il termointonaco non lo conosco, ma conosco molto bene le pitture termoisolanti.
    Infatti le ho utilizzate e le utilizzo con grande soddisfazione e risultati eccezionali.
    Pensate che l'ho applicata per la prima volta in una camera da letto esposta a Nord, con il classico problema della muffa negli angoli, dovuta alla condensazione dell'aria calda sulle pareti fredde (e quindi male isolate).
    Cio' risale a 5 anni fa e da allora...................nulla !!!!
    Nienete miffa o roba simile.
    E pensare che negli anni passati le ho provate tutte.
    Altrro che stratifigrafia, idrogrammetria, analisi, carotaggi, sezionamenti, trivellazioni inverstigazioni ed analisi varie.
    E la cosa piu' bella e' la sensazione di calore che si ha poggiando la mano su una parete cosi' trattata.

    Provare per credere.
    p.s.
    Ci sono diecine di post su questo argomento: ti consiglio di usare la funzione cerca.
    ciao!
    molto interessante il discorso sulle pitture termoisolanti!...soprattutto perché riporti esperienza diretta...e direi con tempo più che sufficiente x valutarne l'effettiva funzionalità! (5anni!!!)
    quello che volevo chiederti è se ricordi la marca o il prodotto in particolare che hai usato....poichè ho un problema simile nella casa dei miei genitori...e posso dire anche io di averle provate un po' tutte...ma questa in effetti mi mancava.
    ho visto che sul mercato ci sono diversi prodotti, e mi piacerebbe prender quello che hai utilizzato tu, visto che ho un riscontro diretto sulla funzionalità!
    grazie mille, ciaooo

  • cangaceiro
    Cangaceiro Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 16 Dicembre 2010, alle ore 17:43
    Quello che volevo chiederti è se ricordi la marca o il prodotto in particolare che hai usato....poichè ho un problema simile

    quoto!

  • marcolino1983
    Marcolino1983 Ricerca discussioni per utente
    Martedì 21 Dicembre 2010, alle ore 07:21
    Niente ?

  • the manager
    The manager Ricerca discussioni per utente
    Martedì 21 Dicembre 2010, alle ore 14:52
    Oltre che invitarvi a leggere i post precedenti in merito, provate a fare una ricerca su internet scrivendo pitture termoisolanti.
    Comunque io uso quella della Boero che potete trovare presso i negozi di bricolage tipo LeroyMerlin.

    Importante!
    Piu' mani si danno e maggiore e' l'efficacia.
    Sui post precedenti spiego pure come applicarla al meglio.

  • lapokira
    Lapokira Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 22 Dicembre 2010, alle ore 09:15
    Personalmente non riesco a credere che uno strato di vernice possa alzare la temperatura dell'ambiente

    avevo letto da chi ne capisce di più che funzionano contro la formazione di muffa per un certop processo chimico ma non aumenta il potere isolante del muro
    per capirci se prima usavi 5 mc di gas al giorno continuerai a usarne 5 mc senza la muffa a vista

  • the manager
    The manager Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 23 Dicembre 2010, alle ore 08:51
    Scusa Lapokira: ma chi ha mai detto che la pittura alza la temperatura ambiente???
    Hai letto bene??
    Mi sa DI NO !
    La pittura termoisolante UNIFORMA la temperatura superficiale del muro, evitando quindi che ci siano zone piu' fredde e zone piu' calde.
    La temperature del muro e' data dalla temperatura ambiente e non dalla vernice.
    E' chiaro il concetto???
    E poi scusa. chi e' sto fenomeno che dici che usa processi chimici magari pericolosi per la salute???
    Avete notato i sempre maggiori post di persone che dentro casa accusano malessere???
    Meglio riflettere, e soprattutto e' meglio leggere bene e poi sentenziare.

  • cangaceiro
    Cangaceiro Ricerca discussioni per utente
    Martedì 10 Maggio 2011, alle ore 15:45
    A vostro giudizio l'intonaco termico o l'intonaco generico, ambedue da interno, necessitano di qualche fissativo per aderire bene al poliuretano espanso oppure non è necessario?

    In garage mi è rimasto un prodotto di una nota marca di colore grigio che utilizzai per realizzare un rivestimento esterno in pietra e devo dire che come fissativo si faceva sentire.

    Pensavo se fosse buona idea dare una mestolata di questa malta cementizia ad alta adesione sul poliuretano e poi rifare l'intonacatura. che dite?

  • lapokira
    Lapokira Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 11 Maggio 2011, alle ore 08:50
    Ciao

    ho acquistato una vernice isolante ed è vero non si forma più la condensa e quindi la muffa è ottima e funziona davvero.
    Non mi accontento appena ho i soldi faccio il cappotto esterno ma per il momento sono più tarnquillo

    Lo consiglio vivamente
    ho speso quasi 50 euro per una latta di quelle da 5 kg mi sembra

    Ciao

  • steno2
    Steno2 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 11 Maggio 2011, alle ore 11:14
    Niente ?
    no, niente, la ricerca interna al forum non ha dato risultati sull'intonaco termico

  • steno2
    Steno2 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 11 Maggio 2011, alle ore 11:24
    Se il problema è la muffa, in qualità di polentone che vive tra i rami del Po, dove se l'umidità relativa è al 60% è una giornata BEN SECCA, rispetto al normale 70%, vi do il mio consiglio personale.

    La vernice da interni S. M;arco 777 Kombat è ottima.
    Non puzza più delle altre, costa la metà in più, ma nella mia umidissima ex casa, il muro a nord era nero un anno per l'altro, e non dico nero tanto per dire...
    Ebbene, con quella vernice, per tre anni di fila il muro era candido, il terzo anno ha fatto un po di nero vicino agli spigoli con il soffitto, ma ripresi i due metri quadri intorno agli stessi, il problema non si è ripresentato.
    In sostanza, dai il colore ogni sei anni, rifai gli angoli ogni tre, ma siamo in Polesine, zona tipo foresta pluviale.
    Se lo fate in Sicilia, il problema è risolto in eterno
    Il più è che il muro alla lunga si sporca, ma muffa...

  • cangaceiro
    Cangaceiro Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 11 Maggio 2011, alle ore 11:32
    Grazie a tutti degli interventi sta diventando un tread-guida.

    Tornando però un attimino più in topic ci sono degli accorgimenti particolari per far "aggrappare" l'intonaco termico sulla superficie poliuretanica?

    Avendo stonacato più del dovuto ho una larghezza di superficie poliuretanica che va da un minimo di 5 cm ad un massimo di 10 cm. Posso "lanciare" l'impasto termico direttamente sul poliuretano oppure rischio che nel breve tempo si stacchi tutto?

    Grazie.

  • cangaceiro
    Cangaceiro Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 11 Maggio 2011, alle ore 11:47
    Ciao
    ho acquistato una vernice isolante ed è vero non si forma più la condensa e quindi la muffa è ottima e funziona davvero.
    Lo consiglio vivamente
    ho speso quasi 50 euro per una latta di quelle da 5 kg mi sembra
    Ciao

    Be già che ci sei illuminaci dacci il produttore ed il relativo nome del prodotto per il bene del forum.

  • steno2
    Steno2 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 11 Maggio 2011, alle ore 11:58
    Ora però, vorrei sapere il discorso dell'intonaco termoisolante da interno, perché non sapevo nemmeno che esistesse.
    La mia nuova casa è tagliata quasi perfetta nord-sud, ed è inutile dire che il nord è tuuuutto mio, in estate non mi dispiace, ma in inverno la spesa del riscaldamento, sale più in fretta di uno space shuttle.
    Inoltre vorrei sapere se questo intonaco si mette come qualsiasi altro intonaco, o se necessita di posa particolare, dato che un mio amico ex muratore, me lo metterebbe su a 5? l'ora + generi di conforto (un pacchetto dayan@ rosse e due ha1nek3n da 33 al di)
    Questa è la mia idea, vi chiedo di valutare se fattibile o stupida...

    1) Nei muri esposti a nord, più 20cm. di muri anche divisori che si appoggiano, sostituisco l'intonaco comune con termoisolante.
    Recupero il costo con l'isolamento termo-acustico, poi farò anche gli altri, ma con moooolto comodo, tanto sarebbero più che altro isolamento acustico.

    2) Ho i termosifoni incassati nel muro, quindi sarebbe utile ridurre lo spreco di calore irradiato verso quei punti del muro sostituendo immediatamente l'intonaco normale con termoisolante, su tutta la casa.
    Ciò mi permette di termoisolare l'area senza ridurre il volume utile per alloggiare il termosifone.

    2A) Dove c'è il termosifone metto un piccolo cappotto interno (1 cm.) e sopra (o sotto) ci metto il termoisolante, ma riduco molto lo spazio?

    2B) Metto il termoisolante, sopra (o sotto) ci metto 3mm di sughero, poi normale pittura murale.

    2C) Metto solo i 3mm di sughero, senza il termoisolante, poi pittura murale e bella li.

    3) prima le finestre e le tapparelle classe "A", poi il termoisolamento dei caloriferi, infine il termoisolamento delle pareti.

    4) sono un pirla che spende 100 per risparmiare 10.

  • cangaceiro
    Cangaceiro Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 11 Maggio 2011, alle ore 14:13
    Dunque steno2 io ti rispondo in base a quegli che sono i miei studi fatti nel settore dell'intonaco termico.

    L'intonaco termico può essere posato sia all'esterno che all'interno, per definirsi tale deve rispettare due caratteristiche tecniche che le rilevi dalle relative schede tecniche:

    1. deve avere una bassa conducibilità termica per cui un landa inferiore a 0,09 W/mK
    2. peso specifico leggero tipo 250Kg/mc.

    Ora c'è chi dice che questi intonaci termici fanno abbattere le spese del 20%, ora io francamente non lo so come non so se i dati riportati sulle schede tecniche dei prodotti siano effettivamente reali.
    Io mi baso sul principio che mal che vada rimango punto e a capo, voglio dire se metto un intonaco termico al limite mi farà lo stesso effetto di un intonaco da interni tradizionale ma FORSe potrebbe esserci dei benefici anche magari minimi, ma in fondo gli intonaci alle pareti interne si fanno una volta nella vita.

    Personalmente il prodotto che mi ha catturato di più è l'Isolteco della Edilteco se guardi il lamda ed il peso specifico come valori ci siamo.

    Per quanto concerne la posa: Applicare uno strato iniziale di c.a. cm. 1 di Isolteco. Dopo che il primo strato ha completato la fase di presa (non meno di 4 ore, non oltre 24 ore), applicare il secondo strato (massimo cm. 2,5 ? 3,0). Se si rende necessaria la posa
    di strati ulteriori, ripetere la stessa procedura. Spessori totali di posa ammessi: minimo cm. 2 ? massimo cm. 12.


    Questo è ciò che posso dirti.

  • steno2
    Steno2 Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 12 Maggio 2011, alle ore 09:21
    Moooolto interessante, cangaçeiro mi hai dato una dritta ben messa e ben fatta...
    Questo mi porta a propendere per il semplice abbattimento e rifacimento dell'intonaco nell'incasso dei termosifoni, con uno spessore che sarà di poco superiore, quindi non rilevante...

    Posso usarlo anche per l'intonaco del soffitto vero?
    Sarebbe interessante perché sopra ho il tetto, quindi mi termoisolerebbe, dato che ho le tegole in cemento, quindi il sotto tetto è pieno di muretti e murettini di rinforzo, non posso srotolare lana di roccia... sarebbe troppo facile...

  • toplevel
    Toplevel Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 12 Maggio 2011, alle ore 10:42
    Volevo rettificare un attimino.
    personalmente utilizzo da diverso tempo un intonaco VERAMENTE termico, che ha le seguenti proprietà:
    1) p.s.: 150 Kg/mc;
    2) lambda dichiarato (e certificato) 0.051W/mh°C
    si può applicare in un unica mano con spessori da 2,5-3 cm senza che cada; gli spessori applicabili non hanno limiti.
    le risultanze termiche di abbattimento della trasmittanza, di aumento delle resistenze e quindi di risparmio energetico sono correttamente quantificabili attraverso appositi calcoli, in quanto trasmittanza e resistenza termica finale dipendono dalla natura, dagli spessori, dalla zona climatica e dalla stratigrafia dei supporti ove vengono applicati.
    quindi con questo tipo di dati è quantificabile ESATTAMENTE il risparmio energetico effettivo, risparmio che, di fatto, andrebbe predeterminato prima dell'inizio dei lavori e in base alle caratteristiche tecniche dei supporti e della coibenza desiderata.
    per quel che concerne la veridicità dei dati riportati sulle schede tecniche fanno fede i certificati, solitamente di istituti terzi, rilasciati a corredo della documentazione di vendita.

  • anna.romano.3192
    Anna.romano.3192 Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 10 Febbraio 2021, alle ore 18:39
    Di che prodotto si tratta?

Notizie che trattano Intonaco termico è veramente efficace o baggianata? che potrebbero interessarti


Rinzaffo

Facciate e pareti - La finitura di una parete è costituita da più strati di intonaco. Il primo tra questi è anche il più grossolano e si chiama rinzaffo, noto anche come abbozzo.

Caratteristiche e impiego del termointonaco

Risanamento umidità - Intonaci naturali e termoisolanti rifiniscono al meglio le pareti indoor e outdoor di un edificio, permettendo la regolazione interna di temperatura e umidità.

Intonaco di pomice e calce

Pavimenti e rivestimenti - In edilizia gli intonaci ecologici in virtù di tutte le loro ottime proprietà si stanno diffondendo sempre di più: ecco l'intonaco di pomice e calce idraulica.

Intonaco premiscelato

Materiali edili - Gli intonaci premiscelati sono prodotti in azienda e portati in cantiere in cantiere gia' pronti per essere applicati sulle murature.

Intonaci per finiture

Pittura e decorazioni - Gli intonaci rientrano nella categoria delle finiture, prodotti ed operazioni che completano la ristrutturazione: ecco una selezione dei tipi più utilizzati.

Isolamento a cappotto in murature di edifici storici

Isolamento termico - La valutazione della stratigrafia di una muratura esterna di un edificio storico è di fondamentale importanza per un corretto progetto di riqualificazione energetica.

Rasatura

Restauro edile - La rasatura è l'ultimo strato d'intonaco che rifinisce una parete prima di tinteggiarla o apporvi la carta da parati. Com'è fatto e come si realizza correttamente?

Intonaci in argilla termoregolatori

Facciate e pareti - Sano, traspirante e naturale, l'intonaco in argilla e' alla base delle costruzioni e delle ristrutturazioni che abbracciano la politica della bioedilizia.

Cos'è l'intonaco termoisolante?

Isolamento termico - L'intonaco termoisolante può rappresentare una possibile alternativa ai rivestimenti a cappotto termico per coibentare adeguatamente un edificio, nuovo o esistente.
REGISTRATI COME UTENTE
328.292 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//