Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
2010-09-14 18:12:20

Aiuto coibentazione esterna ( link con foto della casa)


Specialhawk
login
27 Agosto 2010 ore 15:05 19
Ciao a tutti,
ho una casa del 1956 in zona climatica E con muri da 50 cm in mattoni pieni.
la casa è così distribuita:
-seminterrato ( non abitato) con probl umidità di risalita
( il muro dall' altezza delle finestre a salire sembra sano xo)
-primo piano ( casa dello zio) con vecchi infissi
-secondo piano ( casa mia) con nuovi infissi e doppi vetri
-mansarda non abitata ( tetto rifatto circa 10 anni fa)

qua ho caricato le foto dell'abitazione
http://picasaweb.google.com/10770948625 ... directlink

La mia idea è quella di coibentarla esternamente con un cappotto
( da valutare materiale e spessore) entro dicembre x detraz. 55%
e successivamente ( dopo qualche anno x mancanza soldi)
risolvere il problema del seminterrato.
Vedendo le foto delle mia casa è una soluzione fattibile?
un grazie in anticipo a chi mi saprà aiutare e consigliare
  • rurik
    Rurik Ricerca discussioni per utenteManiscalco Sas
    Venerdì 27 Agosto 2010, alle ore 15:42
    Ciao, io direi che è fattibilissimo ed anche facile.

    Con una struttura di 50 cm di mattoni (sei sicuro sia tutto mattone??!!) ed un isolamento a cappotto esterno otterrai un ottimo comfort (serramenti permettendo).

    Con le attuali tabelle dovresti fare un cappotto da circa 8-10 cm (in polistirene).

    Non dimenticare di isolare la soletta di copertura.

    Saluti, Marco

  • specialhawk
    Specialhawk Ricerca discussioni per utente
    Domenica 29 Agosto 2010, alle ore 15:18
    Ciao rurik,
    grazie x avermi risposto!!!
    In verità le pareti esterne del seminterrato sn in pietra,
    dal primo piano a salire credo sia stato utilizzato solo mattone
    ( all'interno dei cassettoni delle serrande ci sn mattoni)
    x il materiale la penso come te, solamente che vorrei andarci "pesante"
    utilizzando un 15-20 cm di eps.

    vedendo le mie foto come ti comporteresti con i davanzali delle finestre a seguito di un cappotto???
    vorrei evitare il loro ponte termico
    ( considera che sn blocchi unici dall' int all' ext)

    e con il tetto che sporge di pochissimo sui lati nord e sud??? qua sn veramente confuso !!??!!!
    come vedrai da foto sul lato nord ho dei problemini,
    credo dovuto all'acqua che scola dal tetto, ma non ne sn sicuro!!!

    grazie ancora x lo "stress" di domande ma prima di partire con i preventivi vorrei avere le idee chiare e fare un confronto con amici in rete.
    ciao ciao

  • lapokira
    Lapokira Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 30 Agosto 2010, alle ore 09:08
    Per il cappotto ti consiglierei YTONG MULTIPOR è un Pannello termoisolante minerale

  • claudiotermografia
    Claudiotermografia Ricerca discussioni per utenteRea Termografia
    Lunedì 30 Agosto 2010, alle ore 11:06
    Bella casa è tutto fattibile dipende che cosa vuoi ottenere
    tieni presente che in ogni caso serve un progetto

    i tempi sono lunghi non so se ce la fai per dicembre
    vanno spostati tutti i tubi del gas esterni, gli attacchi dell' elettricità e del telefono, va per forza risolto il problema dell' umidità di risalita.

    posso identificare due modi di operare

    1 cappotto grossolano che comprende le operazioni sopra ma non corregge i ponti termici delle finestre e dei davanzali, e il cappotto che parte al termine della fascia perimetrale grigia


    2 riqualificazione energetica completa che comprende oltre che le operazioni di cui sopra anche la risoluzione dell' umidità di risalita con ripristino degli ambienti interni interrati, sostituzione di tutti i serramenti compresi gli avvolgibili, valutazione dell' attuale impianto di riscaldamento. ampliamento e ridefinizione delle luci delle finestre e correzione di ogni ponte termico

  • rurik
    Rurik Ricerca discussioni per utenteManiscalco Sas
    Lunedì 30 Agosto 2010, alle ore 20:32
    Un cappotto di 20 cm è davvero un bel intervento, ti avvicini senz'altro alla resa di una casa passiva.

    Nelle case a bassissimo consumo, per limitare i ponti termici nei serramenti, questi vengono montati all'estremo della muratura esterna, a volte addirittura il falso telaio (di legno) viene montato "appeso" in facciata.

    In questo modo non si interrompe l'isolamento in facciata.

    Tieni presete che le case passive non hanno tapparelle, e montare persiane diventa un problema.

    Si possono usare oscuranti tipo veneziane appositamente progettate per l'esterno.

    Per quanto riquarda i davanzali, questi vengono divisi in due sezioni: una interna ed una esterna, separati da uno spessore i materiale isolante. Chiaramente la parte esterna avrà bisogno di un sistema di sospensione.

    Intervenire per togliere l'umidità dalla parte interrata sarà un bel problema, inquanto penso che non esista al momento (o se esiste e di tipo molto economico) uno strato di impermeabilizzazione all'esterno delle murature e sotto le fondazioni.

    Se non vuoi spendere cifre ipermobiliche per riscavare l'esterno e posare guaine, e fare infiltrazioni submurali, ti consigliere un intonaco deumidificante interno, che non TOGLIE il l'uminidà, ma la lascia uscire senza lasciare tracce.


    Saluti, Marco.

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 30 Agosto 2010, alle ore 21:05
    Grazie all'amico Marco per il contributo.

  • specialhawk
    Specialhawk Ricerca discussioni per utente
    Martedì 31 Agosto 2010, alle ore 02:17
    Un grazie speciale x Termografia e rurik,
    siete davvero in gamba!!!!

    in seguito ai vostri consigli ribadisco la mia idea del cappotto
    di notevoli dimensioni (15-20 cm)
    facendolo partire dalla fascia perimetrale grigia,
    x quanto riguarda il seminterrato lo lascerei così com è...
    probabilmente toglierei l'attuale intonaco "marcio" che c è, riportando le pareti esterne a vista pietra e magari in un secondo momento usare
    un ottimo intonaco deumidificante (come detto da rurik)

    siete ancora così gentili nel rispondere a questi 3 quesiti???

    1. dopo il consiglio di rurik ho capito come intervenire sui davanzali x evitare il ponte termico ma non mi rendo conto dell'entità del lavoro economicamente parlando
    ( ho letto anche che si possono annegare sotto il cappotto coibente e metterci un lamierino o altro come davanzale)
    che ne pensate???
    in particolare x rurik: pensavo tra qualche anno di sostituire le serrande con delle persiane o scuri, quindi secondo te non è fattibile dopo un cappotto?

    2. da cosa dipende secondo voi quell'umidità che ho sulla parete nord? A seguito di un cappotto devo allargare il tetto che sporge di pochissimo sulla parete nord e sud, allargare magari la grondaia, o altro???
    ( sempre se lo riteniate un problema post cappotto)

    3. X la detrazione del 55% si deve obbligatoriamente iniziare i lavori e terminarli entro il 31 dic 2010 o serve solo l'inizio lavori entro tale data e magari terminarli nel 2011?

    Grazie ancora e spero che tutto ciò che è stato scritto fin ora sia utile a molti altri.

  • claudiotermografia
    Claudiotermografia Ricerca discussioni per utenteRea Termografia
    Martedì 31 Agosto 2010, alle ore 09:18
    Prima di darti la mio opinione sui questi che hai posto volevo farti una precisazione molto importante che ho tralasciato

    Oltre un certo livello di isolamento è necessario almeno un impianto di deumidificazione anche se la cosa ottimale rimane un sistema di ventilazione controllata con recupero di calore questo perché nonostante si dica che i materiali siano tutti più o meno traspiranti il pacchetto complessivo impedisce di fatto il corretto smaltimento di un parte del vapore acqueo interno questo causa enormi problemi riscontrabili sulla maggior parte delle abitazioni ad alto isolamento termico, pensa che persino le case Casaclima B che non erano state dotate di ventialzione meccanica o deumidificatore hanno dato notevoli problemi in quest' ambito



    1) sinceramente trovo più pratico e di maggior pregio rimuovere il vecchio bancale e sostituirlo con un bancaletto sezionato in due e diviso dall' isolante
    Puoi mettere gli scuri esterni solo sa predisponi sotto al cappotto gli appositi sostegni

    2)per l'umidità serve un analisi le considerazioni fatte dalle foto sono quantomai imprecise. per il tetto potrebbe essere sufficiente spostare la gronda ma bisogna sempre vedere con quanti cm si hanno.

    3)al terzo punto non ti so rispondere non sono aggiornato

  • rurik
    Rurik Ricerca discussioni per utenteManiscalco Sas
    Mercoledì 1 Settembre 2010, alle ore 13:56


    in seguito .......

    1. dopo il consiglio di rurik ho capito come intervenire sui davanzali x evitare il ponte termico ma non mi rendo conto dell'entità del lavoro economicamente parlando
    ( ho letto anche che si possono annegare sotto il cappotto coibente e metterci un lamierino o altro come davanzale)
    che ne pensate???
    in particolare x rurik: pensavo tra qualche anno di sostituire le serrande con delle persiane o scuri, quindi secondo te non è fattibile dopo un cappotto?

    Grazie ancora e spero che tutto ciò che è stato scritto fin ora sia utile a molti altri.


    In cappotto come il tuo io i davanzali li sostituirei.
    A volte con spessori inferiori e se l'altezza del telaio del serramento lo permette, "incollo" un ulteriore davanzale sopra quello esistente e ne aumento lo sbalzo.
    Nel tuo caso adotto il metodo che ti mando in allegato, non richiede particolari spese od interventi, se non la sostituizione del davanzale esistente.
    Alle aperture preferisco avere la pietra, anche se esperienze oltralpe usano spesso il sistema delle scossaline in lamiera di alluminio per fare le cornici alle finestre.

    Le veneziane che conosco io (in acciaio e progettate appositamente per l'esterno) costano un po', come puoi vedere dal disegno in genere si occulta il cassonetto dietro al cappotto, eventualmente potresti fare lasciare già un vuoto a misura od un "pezzo" di polistirolo non fissato, dove andrà poi la sede della veneziana. Si tratta di un lavoro da preparare con un po' di pazienza e buon senso.

    Persiane o scuri posso essere montati solo predisponendo preventivamente opportuni supporti annegati nel cappotto e ben fissati alla muratura, visto che dovranno avere uno sbalzo di oltre 20 cm.

    Il tutto è senz'altro fattibile, ma bisogna prevederlo in maniera precisa con il serramentista prima di eseguire il cappotto.

    Saluti, Marco

  • specialhawk
    Specialhawk Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 1 Settembre 2010, alle ore 17:13
    1000 grazie ancora... non ho parole x la dedizione che mettete

    Ho letto dei problemini del vapore acqueo con quella tipologia di cappotto...
    solo che pensavo di risolverla x i primi anni ( fin quando anche x questo non ho 2 soldini da parte)
    arieggiando semplicemente i locali, magari un pochino più del solito.
    mi spiego meglio: praticamente in casa ( io, compagna e piccolino) partiamo la mattina x poi ritornarci post 18:00 , la viviamo un po di più il weekend , se non ospiti dei suoceri
    e x lo zio che vive sotto di noi vale lo stesso.
    Avevo pensato a degli estrattori d' aria con umidostato in bagno e cucina ( o similari )da mettere in fase d' installazione del cappotto) ed arieggiare casa meticolosamente tutte le mattine ( parlo sopratutto in inverno... nelle altre stagioni non credo si ponga il problema)
    se ciò non dovesse bastare causa condensa...appena avrò qualche soldo installerò un vmc contestualmente al fatto che tra qualche anno vivremo di più la casa rispetto ad ora...
    sempre che sia fattibile farlo dopo alcuni anni e sopratutto dopo l'installazione di un cappotto.
    grazie ancora a tutti!!!!!

  • schwarz
    Schwarz Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 1 Settembre 2010, alle ore 18:08
    Se ti interessa qualche foto della mia ristrutturazione (di una casa simile alla tua, ma più piccola)ti invito ad andare a vedere qui:
    viewtopic.php?f=2&t=29898&st=0&sk=t&sd=a&start=10
    Come vedi anche io ho sostituito i bancali introducendo un taglio termico. Il cappotto che ho messo è da 20 cm.

  • rurik
    Rurik Ricerca discussioni per utenteManiscalco Sas
    Mercoledì 1 Settembre 2010, alle ore 20:25
    Un impianto di areazione è senz'altro una buona cosa (predisponi le forometrie e la parte elettrica), soprattutto con recuperatore di calore.... ma puoi comunque sopravvivere semplicemente areando aprendo le finestre....

    Marco.

  • specialhawk
    Specialhawk Ricerca discussioni per utente
    Sabato 4 Settembre 2010, alle ore 20:54
    Un grazie anche a schwarz... molto utile e interessante!!!!

    x schwarz: ho letto che il cappotto l'hai pagato 70 euro al mq....
    ma intendi solo il materiale o cappotto installato???

    inoltre mi devo scusare con tutti x un' imprecisione:
    i muri esterni della mia casa sn da 50 cm in pietra ( e non mattone come avevo scritto)
    perdonatemi x la gaffe
    ( non ci abito da molto ed in questi gg ho parlato con un anziano vicino il quale era presente durante la costruzione).... prob. agli incroci di muri ed agli angoli hanno usato mattone.
    Detto questo cambia qualcosa x il discorso cappotto????
    Sono validi i medesimi consigli anche x questo tipo di muratura o posso utilizzare quelle poche proprietà che ha la pietra con un altro tipo di materiale x il cappotto????

    Paolo

  • rurik
    Rurik Ricerca discussioni per utenteManiscalco Sas
    Domenica 5 Settembre 2010, alle ore 16:16
    L'effetto del cappotto su 50 cm di pietra rimane ottimo...(ce l'avessi io una casa così!!), si potrebbe forse avere solo qualche problema con il fissaggio dei tasselli nella muratura ed ogni volta che bisogna intervenire in "scassi" e "tracce" nella stessa, data la presunta irregolarità intrinseca del materiale (non conosco il sistema di costruzione in pietra della vosta zona).

    Sarà senz' altro una cosa da far notare ai posatori PRIMA di eventuali preventivi.

    Saluti, Marco.

  • nabor
    Nabor Ricerca discussioni per utente
    Domenica 5 Settembre 2010, alle ore 19:47
    A proposito, qualcuno mi ha chiesto qual'è la durata della garanzia, per interventi di coibentazione: io ritengo sia di 10 anni anche in caso sia effettuato in fase successiva a quella del primo titolo edilizio.

  • schwarz
    Schwarz Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 6 Settembre 2010, alle ore 22:08
    70 al mq tutto compreso....

  • specialhawk
    Specialhawk Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 8 Settembre 2010, alle ore 16:09
    Thanks rurik e schwarz

    Farò qualche preventivo... appena ho un attimo...
    In questi gg ho sistemato un pochino sia l' impianto di riscaldamento: a radiatori con vecchia caldaia ( pulizia interna dei radiatori... riparato alcune piccole perdite... nuova dislocazione e sostituzione termostato...abbassato la potenza di alcuni radiat. nelle stanze più calde... inseriti i pannelli termoriflettenti dietro ai radiatori)
    Inoltre ho isolato tutti i cassettoni delle serrande ed altre "falle termiche" in mansarda e faremo un uso più "intelligente" dell'impianto di riscaldamento.
    Passato quest'inverno, con un riscaldamento se pur vecchio ma ottimizzato e...sperando di trovare ancora gli incentivi il prox anno valuterò...preventivi alla mano la convenienza del cappotto

    Ringrazio tutti quelli che sn intervenuti
    tutti molto in gamba!!!!!!

    ps: ultima cosina... mi piacerebbe avere una testimonianza di chi ha effettuato un cappotto su una casa come la mia:
    anni 50 in pietra!!!

    Ottimo forum e sito!!!!!
    ciao
    Paolo

  • simone-fischer
    Simone-fischer Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 8 Settembre 2010, alle ore 18:03
    A proposito dell'utilizzo dei tasselli per ancorare i pannelli di isolante, ricordo di usare solo tasselli certificati per il supporto verificato
    esisto tasselli che possono garantire la tenuta su un tipo di supporto ma non su un altro
    per spessori così alti e in presenza di azioni del vento sulla facciata è proprio obbligatorio usarli e non fidarsi certo di un cappotto solo incollato
    anche in questo caso occorre un opportuno dimensionamento del tipo e numero di fissaggi ETAG

  • rurik
    Rurik Ricerca discussioni per utenteManiscalco Sas
    Martedì 14 Settembre 2010, alle ore 18:12
    Thanks rurik e schwarz
    .........

    ps: ultima cosina... mi piacerebbe avere una testimonianza di chi ha effettuato un cappotto su una casa come la mia:
    anni 50 in pietra!!!

    Ottimo forum e sito!!!!!
    ciao
    Paolo


    GRAZIE!!

    Per tornare al tuo quesito:

    Casa degli anni 50, zona climatica E, murature in mattone pieno da cm 25, cappotto da cm 15, il riscaldamento era senza termostato ma solo temporizzato. Alla prima accensione (nov) in cui la casa era ancora disabitata la temperatura interna è salita fino a 28°-30° in 3 giorni .... il propietario era allibito... io ridevo e lui mi ringraziava del consiglio che gli avevo dato di fare un "grosso" cappotto.

    Ora risparmia quasi il 70% di combustibile....


    Saluti, Marco

Notizie che trattano Aiuto coibentazione esterna ( link con foto della casa) che potrebbero interessarti


Soluzioni per coibentazione e ponti termici

Isolamento termico - Oltre ai tradizionali metodi presenti sul mercato, l'industria del settore offre diverse soluzioni unite a qualità tecnologiche e estetiche.

Collegamenti elettrici macchine interne ed esterne climatizzazione

Impianti di climatizzazione - Le operazioni di collegamento elettrico tra unità interne ed esterne dei climatizzatori richiedono massima attenzione quando sono relative a più unità split.

Come pulire i condizionatori

Impianti di climatizzazione - Piccole operazioni su carrozzeria, filtri, scambiatore, vaschetta condensa e unità esterna per avere sempre aria pulita e conservare l'efficienza dell'impianto.

Come scegliere l'isolamento termico: caratteristiche, costi e applicazioni

Isolamento termico - L'isolamento termico è fondamentale per abbattere le dispersioni di calore durante i mesi freddi, migliorando sensibilmente l'efficienza energetica degli edifici

Massetti termoisolanti

Progettazione - Un elemento fondamentale per l'isolamento termoacustico, il massetto termoisolante - Lavorincasa.it

Climatizzazione: collegamenti tubazioni macchine interne esterne

Impianti di climatizzazione - Il collegamento delle tubazioni tra le unità interne e quelle esterne è determinante ai fini del corretto funzionamento delle macchine di climatizzazione.

Come isolare adeguatamente la mansarda

Sottotetto - Per rendere un sottotetto abitabile e confortevole occorre realizzare un adeguato isolamento termico delle superfici insieme con una buona illuminazione naturale

Sistemi oscuranti per finestre VELUX

Infissi Esterni - Filtrare la luce che entra in casa dagli infissi esterni, spesso dotati di appositi complementi come veneziane, tende oscuranti, tapparelle, persiane e scuri, diventano indispensabili in mansarda.

Batterie Energia Termica

Impianti - Elementi determinanti per il corretto funzionamento dei condizionatori sono le batterie, che favoriscono lo scambio di energia termica tra i componenti.
REGISTRATI COME UTENTE
325.684 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
//