Consiglio su caldaia a condensazione


Cristianot
login
10 Settembre 2018 ore 22:45 1
Ciao a tutti,
e grazie dell'aiuto che mi vorrete dare.
Sono di Firenze (zona climatica D) e vorrei sostituire la caldaia classica ormai vecchia di 20 anni, usufruendo degli sgravi fiscali.
La casa è vecchia, grande e con i soffitti alti, per cui i 3 installatori a cui ho chiesto un preventivo mi hanno consigliato caldaie con potenza di 34K (PS: radiatori in ghisa).
Fra l'opzione ad accumulo o istantanea, propenderei per quest'ultima, considerato che non ho esigenze particolari di velocità/comfort.
Girellando sul web, ho individuato questi 3 modelli, che mi sembrano corretti/dimensionati in termini di costo/qualità:
>> Bluehelix Tech RRT 34C
>> Vaillant Ecotec plus vmw 346/5-5
>> VICTRIX MAIOR 35 TT
Questi i dubbi che ho:
>> Qualcuno mi dice che Ferroli è pessima storicamente, altri mi dicono che è ottima; Altroconsumo in un test ha premiato un modello simile a quello che ho individuato..qual'è la verità?
>> Qualcuno mi dice che la Vaillant (che per me è sinonimo di garanzia) non è più quella di una volta...
>> Un installatore mi ha proposto la Saunier Duval del gruppo Vaillant, indicandomela come un buon compromesso in termini di costo/qualità
>> Un installatore mi ha suggerito di installare un pannello solare termico, montando una caldaia a condensazione più piccola...
>> Un installatore mi ha detto che con le caldaie ERP si può avere lo sgravio al 65% anche senza valvole ai radiatori; gli altri si sono espressi diversamente, indicandomi che avrei potuto scaricare solo il 50%.
Insomma la confusione regna sovrana; avete dei suggerimenti spassionati sulle marche e sui modelli, fermo restando la presenza dell'assistenza per ognuna delle marche dette?
Vi mettereste all'anima l'installazione di un pannello solare?
Vi torna che la soluzione istantanea sia corretta se non ci sono esigenze particolari?
Grazie infinite dell'aiuto!
Cristiano

CONSIGLIATO
Caldaia a condensazione BERETTA...
Classe energetica sul riscaldamento: B...
prezzo € 726,55
invece di € 942,96 COMPRA

  • pasquale
    Pasquale Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 13 Settembre 2018, alle ore 13:44
    Prima di ogni cosa sarebbe opportuno fare una valutazione oggettiva dell'unità immobiliare e l'efficienza energetica. Passare da una caldaia da 24 kw ad una di quasi 35 kw, comporta, oltre al costo iniziale, una maggiore spesa in termini di consumi. In termini pratici una caldaia da 24 consuma circa 2,4 mc./ora di metano contro i 3,5 di quella consigliata; tutto ciò Le comporta un aggravio della bolletta energetica di almeno 600/700 euro annui, vista la fascia climatica "D" dove risiede che prevede 12 ore di accensione giornaliere dal 1° novembre al 15 aprile. Sarebbe opportuno rivalutare la stessa potenza attuale ed integrare, magari, dei termoconvettori negli ambienti con una volumetria maggiore (la cui mandata ottimale è di 50°C), al posto dei "classici termosifoni armadi" che per funzionare al meglio devono ricevere acqua ad almeno 70°C. In termini pratici la Sua bolletta si ridurrebbe del 20-30% con una casa uniformemente ben riscaldata. Le consiglio di approfondire consultando un termotecnico di Sua fiducia e poi passare alle marche. Cordiali saluti.
    rispondi citando
REGISTRATI COME UTENTE
293.174 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Pensiline.net
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.