Termini cambio residenza


login
23 Ottobre 2006 ore 13:24 5
Ho da poco terminata la costruzione della prima casa in un comune diverso da quello di residenza usufruendo dello sgravio IVA al 4% (dichiarazione), non riesco però a sapere quali sono i termini temporali per il cambio di residenza (18 mesi?) e da quale evento decorrono.
C'è qualcuno che può fare chiarezza
Grazie.
  • Nabor Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 23 Ottobre 2006, alle ore 13:44
    Dal primo gennaio 2001 il termine è di 18 mesi. Non sono un tributarista, ma penso che faccia fede la data certa dell'acquisto, corrispondente alla registrazione dell'atto di compravendita (la registrazione rende l'atto opponibile ai terzi e, quindi, anche all'agenzia delle entrate)
    rispondi citando
  • Sergiosa Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 23 Ottobre 2006, alle ore 14:00
    Grazie Nabor, credo anch'io che debba esserci un atto opponibile, mi domando solo se in questo caso, eesndo una costruzione fatta in proprio, sia l'atto di assegnazione o la certificazione di abitabilità.
    saluti e di nuovo grazie
    rispondi citando
  • Nabor Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 23 Ottobre 2006, alle ore 15:53
    Grazie Nabor, credo anch'io che debba esserci un atto opponibile, mi domando solo se in questo caso, eesndo una costruzione fatta in proprio, sia l'atto di assegnazione o la certificazione di abitabilità.
    saluti e di nuovo grazie

    Ciao Sergio, come probabilmente sai, il DDl Nicolais (non ancora approvato) prevede che la certificazione di agibilità/abitabilità sia demandata ai liberi professionisti, e non più allo sportello unico del Comune, il che fa pensare di dover fare riferimento ad altri parametri per la data certa di cui abbiamo accennato...io propendo per la registrazione dell'atto di compravendita
    rispondi citando
  • Lollolalla Ricerca discussioni per utente
    Martedì 24 Ottobre 2006, alle ore 08:42
    Siccome ha costruito la prima casa e non acquistato, non ha l'atto di compravendita. Fa fede la data di richiesta di agibilità (che deve essere fatta nei tre anni del permesso di costruire). Da qui hai tempo 18 mesi. Occhio però che se richiedi, per esempio, il contatore Enel, questo ti dice che dovrai spostare la residenza entro 6 mesi dalla richiesta di allaccio, altrimenti ti farà pagare come seconda casa (cliente non residenziale).
    rispondi citando
  • Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Martedì 24 Ottobre 2006, alle ore 10:32
    Occhio però che se richiedi, per esempio, il contatore Enel, questo ti dice che dovrai spostare la residenza entro 6 mesi dalla richiesta di allaccio, altrimenti ti farà pagare come seconda casa (cliente non residenziale).

    mi accodo a questa citazione per postare la mia domanda: tu parli di "allaccio" a seguito di "cambio di residenza", ma la stessa cosa vale anche per le "volture" e per i semplici "cambi di domicilio", vero?

    uno può subentrare nelle varie utenze (Enel/Acea, Eni/Italgas, ecc.), usufruendo delle agevolazioni legate alla prima casa, purchè vi trasferirà il domicilio entro 6 mesi dalla richiesta di subentro, vero?
    rispondi citando
IMMOBILIARE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE







SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI