Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

Iva 10% sui materiali


login
26 Febbraio 2007 ore 14:36 15
Ho avviato la pratica di detrazione del 36%.

Vorrei sapere se per lacquisto dei materiali come Piastrelle per pavimenti e rivestimenti nonchè del parquet devo pagare l'iva al 20% o posso pagarla al 10%?

Esiste da qualche parte la regola sulla fatturazione dei materiali per l'applicazione dell'IVA corretta?

Scusate ma dai post cercati nel forum la cosa non si evince chiaramente.

Grazie
Umbo
  • Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 26 Febbraio 2007, alle ore 15:04
    Ne abbiamo parlato talmente tante volte, il Forum è pieno di questo argomento....... rileggi le discussioni precedenti per precise informazioni.

    Per conoscere l'applicazione dll'IVA agevolata a determinati lavori, leggi la tabella al centro di questa pagina: Iva agevolata sui lavori di ristrutturazione
    rispondi citando
  • Umbo Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 26 Febbraio 2007, alle ore 15:08
    Il mio problema non è sui lavori ma sui materiali.

    Io mi sto facendo fare una ristrutturazione dove l'impresa fa solo i lavori mentre io mi occupo di scegliere e di acquistare da terzi i materiali di finitura (quali sanitari, piastrelle, pavimenti, ...)

    Quando vado nei negozi il venditore è renitente ad applicarmi l'agevolazione fiscale al 10%.

    Nel link che mi hai postato c'è scritto molto chiaramente della parte lavori (sudore umano) ma non sull'approvigionamento di materiale.

    Mi potete chiarire una volta per tutte questo dubbio? Cosa posso far vedere al venditore perchè si convinca che l'IVA da applicare è del 10% invece che il classico 20%?

    Grazie
    Umbo
    rispondi citando
  • Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 26 Febbraio 2007, alle ore 17:29
    Quando l'impresa fattura essa stessa sia i lavori che i materiali, le nuove norme impongono che nella fattura stessa vengano indicati con precisione il costo della manod'opera e il costo dei materiali.
    Con le nuove norme infatti sono state introdotte nuove limitazioni.

    L' iva agevolata al 10% si applica solamente alle prestazioni di servizi comprendenti manodopera e forniture di materiali e beni purché questi ultimi non vadano a costituire la parte più importante del lavoro nel suo insiemeNei lavori in cui ha predominanza il singolo bene (o più) rispetto al valore della manodopera l' aliquota iva agevolata al 10% si applica solo fino alla concorrenza della differenza tra il valore complessivo della prestazione e quello dei beni stessi.
    Ecco perchè i rivenditori pongono ostacoli all'applicazione dell'IVA agevolata.
    In realtà basta una semplice "autocertificazione", ma se il rivenditore non l'accetta, non resta che rivolgersi a qualcun altro.
    rispondi citando
  • Umbo Ricerca discussioni per utente
    Martedì 27 Febbraio 2007, alle ore 08:08
    Grazie per l'aiuto.

    Non è che per caso esiste un link dove posso andare a prendere un preformato di autocertificazione che citi esattamente le normative che devo riportare o che mi dia indicazioni di cosa mettere nella autocertificazione al fine di essere esaustivo sia per il venditore che per lo stato?

    Grazie ancora
    Umbo
    rispondi citando
  • Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Martedì 27 Febbraio 2007, alle ore 08:27
    Se il venditore accetta di applicare l'IVA al 10%, basta la firma di autocertificazione di averne diritto su un semplice foglio di carta, non c'è bisogno ne di moduli ne di carta bollata.
    rispondi citando
  • Uto Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 28 Febbraio 2007, alle ore 17:52
    Se il venditore accetta di applicare l'IVA al 10%, basta la firma di autocertificazione di averne diritto su un semplice foglio di carta, non c'è bisogno ne di moduli ne di carta bollata.

    Scusate ma nelle fattispecie
    (http://www1.agenziaentrate.it/dre/abruz ... volata.pdf)
    contemplate dall'agenzia delle entrate, leggo (tra l'altro):

    L'aliquota agevolata non si applica ai seguenti casi:
    · materiali o beni forniti da un soggetto diverso da quello che esegue i lavori;
    · materiali o beni acquistati direttamente dal committente;

    E mi pare proprio il caso di umbo...
    Il che spiegherebbe perché i fornitori si rifiutino di applicargli l'iva al 10%

    Uto
    rispondi citando
  • Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 1 Marzo 2007, alle ore 12:04
    Qui è disponibile il modulo per la richiesta dell'IVA agevolata al rivenditore:

    Modulo per richiesta IVA agevolata al 10% al rivenditore
    rispondi citando
  • Cinquale Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 16 Marzo 2007, alle ore 17:23
    Ma.. se l'aliquota agevolata non si applica ai seguenti casi:
    · materiali o beni forniti da un soggetto diverso da quello che esegue i lavori;
    · materiali o beni acquistati direttamente dal committente

    come previsto da http://www1.agenziaentrate.it/dre/abruz ... volata.pdf)


    a cosa mi serve mostrare l'autocertificazione al venditore che io posso "invece" usufruire di tale agevolazione..?

    è una dichiarazione del falso? e quindi il venditore ha ragione a non vendermi il materiale con aliquota del 10%..

    luca.
    rispondi citando
  • Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 16 Marzo 2007, alle ore 17:51
    Tu sei liberissimo di fare come credi ....

    Il modulo che ti ho indicato non è stato scritto da me, riporta le norme alle quali fa riferimento.

    Tutti lo usano, se tu non ci riesci ...... pazienza, pagherai l'IVA al 20%.
    rispondi citando
  • Cinquale Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 16 Marzo 2007, alle ore 18:32
    Che tutti lo usino è una cosa..
    ...cercare di capire ciò che si può fare, da ciò che non è ammesso fare, è un'altra cosa ancora..
    e il forum serve proprio a questo..
    sappiamo bene che la legge va interpretata, altrimenti non uscirebbero tutte le circolari e disposizioni interpretative..? non credi?

    comunque per ritornare al nocciolo della questione, proprio ora ho ripreso un'articolo del sole 24 ore di lunedì 12 marzo 2007, il quale a pagina 37 riporta un trafiletto inerente il nostro argomento..

    l'oggetto dell'articolo riguarda l'indicazione del costo della mano d'opera in fattura ai fini dell'agevolazione iva, e quasi alla fine dice "riprendendo la circolare 71/E del 2000" che: purché ci sia la posa in opera, è possibile acquistare materiali per l'edilizia con aliquota ridotta al 10%.

    quindi solo in questo caso si può usufruire dell'iva agevolata, anche comprando privatamente gli oggetti, sempre tramite l'autocertificazione..

    saluti luca from cinquale..
    rispondi citando
  • Condominiale Ricerca discussioni per utente
    Venerdì 16 Marzo 2007, alle ore 22:38
    Gia dalla prima risposta ho indicato il link con le modalità per usufruire di questo beneficio.

    Probabilmente qualcuno non legge con attenzione.

    L'articolo del Sole24Ore riporta proprio quanto precisato dall'Agenzia delle Entrate, la stessa ha emesso parecchie circolari sull'argomento, per non sbagliare bisogna leggerle tutte.
    Se poi la stessa emette addirittura un modulo da compilare per usufruire dell'agevolazione, (quello da me riportato) ritengo che andare alla ricerca di indicazioni contrarie sia un "hobby" controproducente.
    rispondi citando
  • Uto Ricerca discussioni per utente
    Martedì 20 Marzo 2007, alle ore 17:08
    Probabilmente qualcuno non legge con attenzione.

    Non ci lasci proprio passare il fatto che nel marasma di leggi e controleggi è difficile raccapezzarsi... E' tutto piano e lineare...

    Ma dunque leggiamo con attenzione e riassumiamo i fatti essenziali.

    1) Umbo effettua dei lavori di ristrutturazione. Ok

    2) Umbo acquista da sé parquet e piastrelle.
    3) Umbo fa eseguire da altri i lavori di (demolizione dell'esistente) e posa dei rivestamenti per pavimenti che ha acquistato.
    4) La sostituzione di pavimentazione configura manutenzione ordinaria (vedi l'utilissima tabella linkata).
    5) La (famigerata) citata circolare dell'A.E. 71/E 2000 recita:

    L'aliquota del 10 per cento, invece, non si rende applicabile se i beni, anche se finalizzati ad essere impiegati in un intervento di manutenzione ordinaria o straordinaria, vengono forniti da un soggetto diverso da quello che esegue la prestazione, o vengano acquistati direttamente dal committente dei lavori. In tali ipotesi
    alle cessioni dei beni dovra' essere applicata l'aliquota del 20 per cento.
    In proposito si precisa che in base alla previsione recata dall'art. 7, comma 1, che fa salve le norme di maggior favore gia' vigenti, continua ad applicarsi il n. 127 terdecies) della tabella A, parte III, allegata al DPR n. 633 del 1972, che prevede l'applicazione dell'aliquota IVA del 10 per cento ai beni, escluse le materie prime e semilavorate, forniti per la realizzazione degli interventi di recupero e risanamento conservativo e di quelli di ristrutturazione edilizia di cui alle lettere c) e d) dell'art. 31, legge n. 457 del 1978. Pertanto, le cessioni di beni finiti, utilizzati per realizzare tali tipologie di lavori edilizi, restano assoggettate all'aliquota ridotta anche se acquistate direttamente dal committente dei lavori. Per la individuazione dei beni finiti si rimanda ai chiarimenti forniti con la circolare n. 1/E del 2 marzo 1994.


    Dov'è che uno sbaglia se conclude che Umbo dichiarerebbe il falso se esibisce l'autocertificazione di poter usufruire dell'iva al 10% per l'acquisto di parquet e piastrelle (che altri posi) perché l'opera che fa eseguire è manutenzione ordinaria e non ristrutturazione.

    Uto
    rispondi citando
  • Anonymous Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 22 Marzo 2007, alle ore 12:36
    Dunque, mi sono letto 40 topic su questo argomento e mi permangono comunque grossi dubbi.
    Io ho una situazione analoga, ma che differisce nei seguenti punti:
    1) ho chiesto la DIA per ristrutturazione
    2) ho indicato come ditta esecutrice dei lavori soltanto quella edile.
    3) vado a comprare mattonelle e co. da privato e mi dicon che l'IVA è al 20%
    4) compro rubinetteria e mi chedono copia della DIA x l'iva al 10%
    5) l'idraulico che mi fa tutto l'impianto mi chiede la DIA e la certificaz. da parte del geometra che i lavori rientarno nell'iva agevoalta.

    Domanda:
    il fatto di non aver indicato la ditta di idraulica nella dia mi prclude la richiesta di iva agevolata su manodopera e fornitura materiale ?
    se si , vado incontro a sanzioni per il falso per aver acquistato la rubinetteria e quindi a sanzioni?
    se vale per i pavimenti che non posso comprarli in privato per usufruire del 10% , perchè mi varrebbe per i rubinetti che ho comprato da me e fatto insatallare dall'idraulico?

    scusate le ripetizioni, ma non è affatto facile districarsi nella giungla ...
    rispondi citando
  • Uto Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 22 Marzo 2007, alle ore 13:50
    Già si dà di matto (soprattutto ché si ottengono mille info contraddittorie).

    Anch'io ci ho messo il naso in questo thread ché volevo capire... ma non ho capito dove stia l'inghippo (del resto Condominiale insiste ma non ci vuol esplicitare perché; perchè?)...
    A me quanto ho riportato della circolare (nella quale l'AE cita chiaramente la "ratio del legislatore" per cui l'iva al 10% non si deve applicare nella tua "fattispecie idrica") sembra palese...
    Ma è pur vero che alcune ditte non batton ciglio in merito all'autodichiarazione (tanto chi autodichiara rimane l'unico responsabile e qualcuno spera in sanatorie o di non subire controlli)...
    (Certo saprai anche già del "problema" per sanitari/rubinetteria della "significatività" del bene...)

    Comnunque, in attesa d'illuminazioni, ti dico solo che, in merito al punto 5, a me il geometra che m'ha fatto la dia mi ha detto che tutte le ditte cui affido i lavori (per le quali voglio detrare -quello almeno è CERTO), devono comparire in dia (ovviamente se il lavoro corrispondente richiede dia) è questo è fattibile al lato pratico facendo una variante alla dia (non serve chiuderla e riaprirla), cui inoltre vanno allegati tutti i DURC (o equivalentei). Infatti saresti nei casini anche ai fini della detrazione se la ditta cui hai affidato i lavori non è in regola da quel punto di vista

    Uto
    rispondi citando
  • Stephano Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 21 Maggio 2009, alle ore 16:34
    Riesumo questo 3d perchè ho trovato questo interessantissimo link, che chiarisce un po' la questione su pavimenti e iva al 10%

    http://www.altalex.com/index.php?idstr=24&idnot=5501
    rispondi citando
IMMOBILIARE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Uretek
  • Geosec
  • Velux
  • Officine Locati
  • Casa.it
  • Sicurezzapoint
  • Zaccaria Monguzzi
  • Novatek
  • WaterBarrier
  • Murprotec
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI