Questo sito utlizza cookie! Leggi informativa privacy

Dovrei cambiare la caldaia. da quanti kw mi serve?


login
16 Settembre 2006 ore 11:29 24
Questa mattina è venuto il tecnico per la manutenzione ordinaria della caldaia (lo stesso che viene da anni) dicendomi che quest'anno non mi certifica la caldaia perchè non è più a norma... Mah!? Se lo era l'anno scorso, ora non lo è più. Vabbè. Ho una caldaia di 21 anni per cui credo che la sua epoca l'abbia fatta, anche se è ancora perfettamente funzionante. Ha detto che non è più a norma perchè manca il dispositivo di blocco in caso di non tiraggio della canna fumaria.
Allora, mio malgrado, mi accingo alla sostituzione della caldaia.
La mia caldaia è collocata in cucina per cui sarei orientato all'acquisto di una caldaia a camera aperta, sicuramente meno costosa, con anche il riscaldamento dell'acqua (attualmente ho un boiler a gas in bagno che andrei a smantellare). Il tecnico mi ha consigliato una caldaia sui 20/24kw. Vorrei sapere se il dimensionamento è corretto.
Ho un appartamento in provincia di Bologna (in zona pede collinare) della cubatura di ca. 320 M3. L'appartamento è stato costrutio a metà anni '80 con mattoni e forattoni. Ho infissi in alluminio con doppi vetri. In casa ho caloriferi in ghisa a 4 colonnine per un totale di 69 elementi alti 58cm e profondi 13 cm suddivisi in 7 gruppi.
Cerco il miglior compromesso tra resa e costi, sia di installazione che di gestione.
Grazie.
Ciao a tutti
  • Rinogut Ricerca discussioni per utente
    Sabato 16 Settembre 2006, alle ore 11:55
    Per completezza aggiungo anche l'orientamento: L'appartamento non ha pareti esterne a nord ma solo a Est, Ovest e Sud. E' pressapoco quadrato con un lato di 12m. La parete a nord è abitata. La caldaia che devo sostituire è una 18.000 Kcal/h.
    Ciao
    rispondi citando
  • Radiante Ricerca discussioni per utente
    Sabato 16 Settembre 2006, alle ore 12:13
    Come potenza va bene,che tipo di caldaia ti vorrebbe mettere,ma aquella vecchia non basta montargli la sonda fumi?chi fa la sostituzione il centro assistenza che controlla la caldaia o un installatore ?
    rispondi citando
  • Rinogut Ricerca discussioni per utente
    Sabato 16 Settembre 2006, alle ore 14:32
    Ha detto (non so sia una palla per farmi montare una caldaia nuova) che sul modello che ho (una Argo Domus Din 82 a terra) l'inserimento della sonda non si riesce a fare e che dovrebbe fare lui una modifica artigianale che non mi potrebbe garantire e che mi costerebbe quasi come una caldaia nuova... Mah!?
    Tra l'altro dovrei modificare tutti gli attacchi dei tubi (che escono da terra) per passare da una caldaia a terra a una murale. In più devo far fare anche una connessione all'impianto dell'acqua (per fortuna il lavabo della cucina è abbastanza vicino) per collegare l'impianto per l'acqua calda...
    E' meglio 20 o 24 kw? La differenza di prezzo non è esorbitante. Lui mi monterebbe una Ariston perchè è un installatore autorizzato (ha anche Immergas e Ocean). Le conosci? Sono valide o meglio orientarsi su qualcos'altro?
    Grazie
    rispondi citando
  • Iceberg60 Ricerca discussioni per utente
    Sabato 16 Settembre 2006, alle ore 16:38
    Delle Ariston hanno parlato in questa discussione ->http://www.lavorincasa.it/helpcasa/viewtopic.php?t=7193

    Io comunque un altro manutentore/instalaltore lo sentirei...sai com'è, meglio sempre avere un termine di paragone, mica sei sposato con quello che ti fa la manutenzione adesso.

    Sulla potenza, dipende dal tuo fabbisogno, se quella attuale faceva il suo dovere, prendine una di potenza analoga.

    Tra l'altro, dopo oltre 20 anni, credo che il rendimento sia calato parecchio, (dovrebbe essere scritto sul foglietto relativo al controllo dei fumi) quindi con una nuova dovresti anche consumare qualcosa in meno, però, prima di mettere mano al portafogli, che per i comuni mortali è sempre qualcosa da fare con cautela, informati anche con qualcun'altro.
    rispondi citando
  • Radiante Ricerca discussioni per utente
    Sabato 16 Settembre 2006, alle ore 20:07
    Non conosco il modello specifico che hai cmq è uguale alle altre a basamento dell'epoca,se opti per la sostituzione puoi rimontarne una a basamento con camere stagna tiraggio forzato,fare un foro per fargli prendee aria dall'esterno e intubare la vecchia canna fumaria con tubo apposito,la stessa caldaia ti fa anche la produzione di acqua calda ,se hai spazio ne monti una con bollitore da50litri circa altrimenti a produzione rapida,fatti lavare bene l'impianto,per un buon lavaggio ci sono prodotti appositi che aiutano a sciogliee i fanghi e molto consigliato smontare i radiatori e lavarli,questo perche molto probabilmente la caldaia che andrai a montare sara con un corpo in rame (come le murali)si intasano facilmente.
    rispondi citando
  • Stiezza Ricerca discussioni per utente
    Sabato 16 Settembre 2006, alle ore 20:56
    Giustamente come dice Iceberg60
    la caldaia dopo 20anni ha fatto la sua storia e paragonandola con una di ultima generazione come dice radiante non puoi che miglorare e risparmiare
    ma giustamente solo basamento l'installazione avviene in maniera veloce con prezzi contenuti
    dipende ahahahaha
    rispondi citando
  • Pacammu Ricerca discussioni per utente
    Domenica 17 Settembre 2006, alle ore 18:17
    Http://www.sphouse.it/risp.riscal.html

    Installa una caldai a condensazione e vedrai il risparmio. Costano qualcosa in più, ma se ho capito bene hai circa 100mq di appartamento ed il surplus iniziale te lo ripaghi in 2 anni. Queste indicate nel link sono ottime, quella di sinistra farebbe al caso tuo, ma non ha lo scambiatore (devi metterci un bollitore). Esiste anche la versione con scambiatore, credo si chiami WBC. Un consiglio: diffida da caldaie a condensazione compatte, condensano solo in primavera e autunno, quando il riscaldamento lo si accende ben poco.
    Guarda sempre il grado di rendimento a norma 40/30°c (o normalizzato), nelle migliori va dal 108 al 109%. In una Immergas Victrix, ad esempio, è al 107%.
    http://www.immergas.com/prodotti/home.htm

    Un altra cosa molto importante è la pompa modulante elettronicamente, non manuale. Nessuna delle Immergas ce l'ha. Ricordo che Immergas è comunque una buona caldaia.....non oso guardare le altre!
    In fine le Broetje inquinano pochissimo

    ciao
    rispondi citando
  • Radiante Ricerca discussioni per utente
    Domenica 17 Settembre 2006, alle ore 18:35
    Io sono del parere che una caldaia a condensazione non gli serve non ha un impianto adatto ad essa.
    Le come si chiamnano inquineranno in misura del loro utilizzo considerato che bruciano metano e ossigeno come le altre caldaie.
    E smettila di indorare gli utenti con rese teoriche che non rispecchiano la realta dei fatti,questo lo dico a tutti i produttori di caldaie chidendogli di non sommare la resa della conbustione con la resa del recupero gas di scarico solo perche la legge lo permette.
    Al momento non esistono caldaie che rendano piu di quanto consumano!
    forse un giorno le inventeranno,forse
    rispondi citando
  • Pacammu Ricerca discussioni per utente
    Domenica 17 Settembre 2006, alle ore 19:02

    Le come si chiamnano inquineranno in misura del loro utilizzo considerato che bruciano metano e ossigeno come le altre caldaie.

    Bravo professore... e secondo te il calore latente non è risparmio?
    rispondi citando
  • Pacammu Ricerca discussioni per utente
    Domenica 17 Settembre 2006, alle ore 20:24
    Io sono del parere che una caldaia a condensazione non gli serve non ha un impianto adatto ad essa.


    ...e da quanto esistono impianti adatti ad essa? Forse ci sono impianto + o - adatti, ma con un impianto tradizionale ad alta temperatura (radiatori) ed una caldaia a condensazione che "condensa" si può ottenere un risparmio di GAS del 15-20%.
    rispondi citando
  • Stiezza Ricerca discussioni per utente
    Domenica 17 Settembre 2006, alle ore 21:22
    Io sono del parere che una caldaia a condensazione non gli serve non ha un impianto adatto ad essa.


    ...e da quanto esistono impianti adatti ad essa? Forse ci sono impianto + o - adatti, ma con un impianto tradizionale ad alta temperatura (radiatori) ed una caldaia a condensazione che "condensa" si può ottenere un risparmio di GAS del 15-20%.
    tradizionale
    secondo me e' sbagliato : ottimizzano soltanto la combustione, cosa che fanno anche altre caldaie a basso nox
    per avere dei risultati dovresti ampliare la s.radiante, e far funziare la caldaia a bassa temperatura e non ad alta temperatura.
    CMQ sono sempre del parere che questo tipo di caldaia e' da prendere in considerazione solo con impianti di grandi dimensioni, allora si che puoi vedere dei risultati
    rispondi citando
  • Radiante Ricerca discussioni per utente
    Domenica 17 Settembre 2006, alle ore 22:50
    Pacammu la caldaia a condensazione condensa se lavora a bassa temperatura altrimenti funziona come una normalissima caldaia,considerando che ha un impianto calcolato per lavorare a 70/80° quanto pensi che condensi per poterla sfruttare a pieno?molto ma molto poco,poi mettiamoci anche che quando sara richiesta acqua calda andra alla massima potenza evitando di condensare,sommato il tutto credo che sia molto piu conveniente una caldaia a basso nox con modulazione di fiamma senza condensazione,probabilmente il miglior compromesso qualita prezzo resa.
    non tralasciamo che nel caso della condensazione deve fare anche una canna fumaria adatta con tanto di ascarico e scarico anche alla caldaia,che non si puo collegare alle fogne ma va convogliato in apposito contenitore con inibitore,prima di essere smaltito
    rispondi citando
  • Pacammu Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 18 Settembre 2006, alle ore 07:01
    Installa una caldaia da Kw 28 possibilmente a condensazione, le marche sono tantissime le italiane sono ottime, ma, non mi sembra corretto citare nomi, certo le Ariston, Ocean (alias Baxi), Immergas non è che siano il massimo ! Attento al rispetto delle norme lg. 46/90 e UNI 7129 ( esigi dall'installatore certificati di conformità e Garanzia ufficiale casa costruttrice ) abbina un buon cronotermostato ed usala in maniera intelligente ! .................... il resto sono tutte chiacchere !
    Ciao.


    28Kw sono troppi
    rispondi citando
  • Pacammu Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 18 Settembre 2006, alle ore 07:02
    Io sono del parere che una caldaia a condensazione non gli serve non ha un impianto adatto ad essa.


    ...e da quanto esistono impianti adatti ad essa? Forse ci sono impianto + o - adatti, ma con un impianto tradizionale ad alta temperatura (radiatori) ed una caldaia a condensazione che "condensa" si può ottenere un risparmio di GAS del 15-20%.
    tradizionale
    secondo me e' sbagliato : ottimizzano soltanto la combustione, cosa che fanno anche altre caldaie a basso nox
    per avere dei risultati dovresti ampliare la s.radiante, e far funziare la caldaia a bassa temperatura e non ad alta temperatura.
    CMQ sono sempre del parere che questo tipo di caldaia e' da prendere in considerazione solo con impianti di grandi dimensioni, allora si che puoi vedere dei risultati

    Beh, non mi sembra piccolo l'appartamento, più di 100mq...
    rispondi citando
  • Pacammu Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 18 Settembre 2006, alle ore 07:16
    Pacammu la caldaia a condensazione condensa se lavora a bassa temperatura altrimenti funziona come una normalissima caldaia,considerando che ha un impianto calcolato per lavorare a 70/80° quanto pensi che condensi per poterla sfruttare a pieno?molto ma molto poco,poi mettiamoci anche che quando sara richiesta acqua calda andra alla massima potenza evitando di condensare,sommato il tutto credo che sia molto piu conveniente una caldaia a basso nox con modulazione di fiamma senza condensazione,probabilmente il miglior compromesso qualita prezzo resa.
    non tralasciamo che nel caso della condensazione deve fare anche una canna fumaria adatta con tanto di ascarico e scarico anche alla caldaia,che non si puo collegare alle fogne ma va convogliato in apposito contenitore con inibitore,prima di essere smaltito

    credimi delle buone caldaie a condensazione condensano anche in richiesta di acqua calda sanitaria. Riguardo l'impianto di riscaldamento basta abbassare la temperatura di mandata a 60/65° e stai tranquillo che stai caldo lo stesso. In questo modo hai già dei bei risparmi, come dicevo del 15% circa. Se a 40/30° si arriva anche oltre il 30% di risparmio, a 60/65° un 15% o più lo ottieni.
    Per lo scarico dei fumi non è assolutamente vero che devi fare una canna fumaria, moltissimi comuni danno la possibilità di scarico a parete con queste caldaie. Se poi presenti ai loro impiegati i dati di combustione vedrai la loro meraviglia.
    é sbagliato anche lo scarico di condensa: puoi benissimo scaricarlo in fogna, basta trattarlo prima.
    rispondi citando
  • Stiezza Ricerca discussioni per utente
    Lunedì 18 Settembre 2006, alle ore 21:22

    installa una 28 kw istantanea a basso nox
    e' la cosa migliore tu possa fare
    secondo la caldaia da 28 kw posizionata su un'impianto da 10 Kw puo' tranquillamente coesistere
    le schede elettroniche ti danno la possibilita' di modulare in riscaldamento
    terzo + alta di potenzialita' hai la caldaia e + acqua calda disponi
    quarto la caldaia a condensazione ha bisogno di avere delle tubazioni di scarico idonee atte a contenere l'aggressivita' della condenza
    quinto a seconda di che comune abiti devi cmq portare lo scarico fino al tetto
    quindi diffida dalla singola persona e ascolta il coro
    buona scelta
    rispondi citando
  • Pacammu Ricerca discussioni per utente
    Martedì 19 Settembre 2006, alle ore 06:32
    :D
    installa una 28 kw istantanea a basso nox
    e' la cosa migliore tu possa fare
    secondo la caldaia da 28 kw posizionata su un'impianto da 10 Kw puo' tranquillamente coesistere
    le schede elettroniche ti danno la possibilita' di modulare in riscaldamento
    terzo + alta di potenzialita' hai la caldaia e + acqua calda disponi
    quarto la caldaia a condensazione ha bisogno di avere delle tubazioni di scarico idonee atte a contenere l'aggressivita' della condenza
    quinto a seconda di che comune abiti devi cmq portare lo scarico fino al tetto
    quindi diffida dalla singola persona e ascolta il coro
    buona scelta

    Ovviamente il nostro amico deve ascoltare più pareri, però dipende anche da chi li scrive. Per curiosità di cosa ti occupi stiezza?

    Montare una 28Kw può dare forse + acqua calda, ma ci sono caldaie da 20/24Kw che danno anche 16 lt. al minuto che bastano e avanzano, a meno che non si ha 3 bagni e vasca idro. In più una caldaia quando parte fa la "vampata" (per qualche secondo il bruciatore è al massimo), perciò più è potente più gas viene bruciato inutilmente.
    Cmq la cosa migliore è sempre far fare un sopraluogo da un tecnico, perchè ne io ne i "grandi saggi" del forum possono sapere come è strutturato l' appartamento, il condomino...ecc di rinogut.

    In ultimo, le caldaie a basso nox inquinano meno di una caldaia tradizionale, ma notevolmente di più di una a condensazione.

    es. una caldaia da me consigliata ha emissioni di CO (monossido di carbonio) sempre e comunque inferiori a 10 (mg/Kwh) e Nox inferiori a 20 (mg/Kwh).
    Una immergas Eolo Eco 28KW (che in proporzione inquina meno della sorella a 24KW) emette CO da 26 (mg/Kwh) alla portata termica minima e 51 (mg/Kwh) alla massima (Immergas non mette valori a "norma") e Nox, minima 26 (mg/Kwh) e massima 55(mg/Kwh).
    Come si può notare anche se prendessimo i valori più bassi (sfido che stia molto tempo attorno ai 26 , specialmente da fredda e nelle ripartenze), inquineremmo sempre di + di una buona caldaia a condensazione.

    ciao
    rispondi citando
  • Stiezza Ricerca discussioni per utente
    Martedì 19 Settembre 2006, alle ore 11:25
    Chi sono?
    un semplice dipendente che cerca d?imparare e di mettere in pratica quello che sa?
    le caldaie che suggerisci dalle nostre parti vengono installate non xche? sono le migliori
    ma bensi? xche un centro assistenza si e? organizzato a tal punto
    che garantisce l?intervento anche di natale
    (circa 30 persone)
    detto cio? passiamo a noi

    x riscaldare 16 litri d?h2o al minuto
    960 l/h
    salto termico dell?acqua
    ingresso 15°c uscita 45°c all? utilizzo
    ?salto termico? o delta t. 45-15 = 30
    960 x 30= 28.800 calorie = 33.488 watt
    se poi aggiungiamo il fattore zona
    l?acqua in ingresso potrebbe essere 6°c (zona montana)
    45-6=39
    quindi
    960x39=37.440 = 43.534 watt
    necessarie per innalzare la temperatura
    dell?acqua da 6°c a 45
    a questo punto potrei rincarare la dose
    il circolatore della caldaia quanti l/h porta???
    poi se consideriamo una temperatura maggiore 50°c
    otteniamo
    960 x 35 = 33.600 calorie =39.069watt
    zona montana d.t°c 50-6=44
    960 x 44 = 42.440 calorie =49.348 watt

    queste sono le mie nozioni tecniche che risalgono
    ormai all?era glaciale
    spero di non avere sbagliato niente
    cmq accetto rettifiche in eventuali errori
    di calcolo
    detto cio?se vuoi sponsorizzare un marchio anziche? un altro
    fallo pure ma
    carta canta
    rispondi citando
  • Rinogut Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 11 Ottobre 2006, alle ore 19:38
    Ok ragazzi... non pensavo di sollevare tanto polverone. Farsi fare un prevetnivo da un installaotre qui a Bologna e forse più complesso che chiedere udienza al Papa... Comunque un paio li ho in mano. Ho deciso, per aumentare lo spazio in cucina di passare da una a basamento a una murale... Sono vent'anni che ho la caldaia in mezzo ai cocones in cucina e la voglio mettere per aria.
    Il primo preventivo, che comunque mi piace poco, è quello del tecnico che non mi ha certificato l'impianto e prevede una Ariston/radi 24 Kw (921 ?+ Iva) più 579 ?+ Iva di materiale più montaggio.
    Il secondo più serio fatto da u altro installatore prevede una Immergas Zeus Eco 24 kw con bollitore da 60 a camera stagna. 1234 ? + iva la caldaia + opere di adattamento impianto e intubamento canna fumaria... Fanno un totale di 1848.62 + Iva
    A questo punto però, anche alla luce anche della finanziaria 2007, che da quanto ho visto sul Sole 24ore prevederà la detraibilità al 55 % per l'installazione delle sole caldaie a condensazione, penso mi convenga chiedere un preventivo anche per quella. Sicuramente, con quello che risparmierò fiscalmente mi dovrei ripagare ampiamente. Anche (ma non credo sia così) a parità di consumi con una normale caldaia stagna.
    Sbaglio?
    rispondi citando
  • Radiante Ricerca discussioni per utente
    Mercoledì 11 Ottobre 2006, alle ore 23:36
    Dal 1 ottobre hai l'iva a 10% se poi la puoi portare in detrazione del 55%non lo so.
    Fatti montare una caldaia con centralina climatica e sonda esterna,con tale dispositivo la caldaia calcolera il minimo consumo per mantenerti la temperatura impostata,se non la corredi ti tutti i suoi accessori diventa quasi inutile .
    rispondi citando
  • Rinogut Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 12 Ottobre 2006, alle ore 17:44
    Nel disegno di legge finanziaria presentato in parlamento per il 2007, è prevista la detraibilità del 55% in tre anni di tutti gli interventi volti al risparmio energetico. In particolare sono ricompresi tutti i lavori di coibentazione coperture, pavimenti, infissi, l'installazione di pannelli solari e l'installazione di Caldaie a Condensazione.
    Quindi, rispetto al normale 36% in 5 anni previsto per le ristrutturazioni.
    In soldoni: una camera stagna Zeus Eco 24kw mi viene a costare installata 1848,62+iva 10%=2.033,48 - 36%= 1.301,43(e i 731 ? in detrazione li porto in 5 anni, quindi vado a detrarre 146 euro all'anno).
    La Victrix Zeus a condensazione da 27Kw (stesso modello un po' più potente, ma l'immergas la fa solo così) mi viene a costare 2458 ? iva compresa - 55 %= 1106 e mi fa portare in detrazione 1351/3=450 ? all'anno...
    Direi che anche a parità di consumi, ma credo che in ogni caso una condensazione non potrà mai consumare più di una stagna, mi conviene in ogni caso fare il passaggio... risparmio 300 euro secchi che detraggo oltretutto in meno tempo...
    Sempre che la finanziaria venga approvata così com'è. Bisogna solo aspettare... per questo ho rimandato l'intervento all'anno nuovo.
    Ciao
    rispondi citando
  • Rinogut Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 12 Ottobre 2006, alle ore 17:46
    Pardon 200 ? secchi
    rispondi citando
  • Consultec Ricerca discussioni per utente
    Giovedì 12 Ottobre 2006, alle ore 17:55
    Caro stiezza,

    visto tutti i tuoi argomenti sulle caldaie a condensazione che servono solo all'assistenza tecnica, credo che non hai capito NIENTE di bruciatore premiscelato con rendimento non inferiori a 94% se tutto va male.

    Una 28 kW per produrre acqua calda con 16 litri al minuto a 50°C, tanto vale montare un accumulo di 100 lt, però non credo che l'utente abbia uno spogliatoio per garantire le docce ad una squadra di football.

    Una 28 kW per 100 mq funzionerà per il 75 % del tempo in modulazione di fiamma e quindi con un eccesso di aria in combustione con una resa non superiore all' 86%. La caldaia deve essere dimensionata per lavorare in modulazione per il 50% circa.

    A questo punto, lasciando la caldaia aspirata che oramai è obsoleta, lasciando la condensazione che in questo caso potrebbe andare solo ridimensionando i corpi scaldanti, opterei per una premiscelata con rendimenti del tutto ottimali (95 a 97%) sia al 30% che al 100% della modulazione e con una più che adeguata produzione di acqua calda sanitaria, con relativa sonda esterna.

    Tornando ai rendimenti, quanto si parla di rendimento del 107 o 109% , il riferimento è sulla scala dei 90 che in realtà corrisponde al 98 o 99%, quindi non confonderci, ovviamente non si recupera più di quello che si brucia.

    Posso indicare una marca e fare un pò di pubblicità per rendere l'idea di cos'è una caldaia premiscelata che installo da 20 anni e che oggi è il TOP della tecnologia, visita www.baltur.it .

    Saluti.
    PS
    rispondi citando
IMMOBILIARE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Murprotec
  • Sicurezzapoint
  • Zaccaria Monguzzi
  • Casa.it
  • Geosec
  • Faidatebook
  • Velux
  • Novatek
  • Uretek
  • Casa.it
  • WaterBarrier
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
    • Lechuza - cubico cottage 30
      Lechuza - cubico cottage 30...
      52.00
    • Impianti elettrici, idraulici e automazioni
      Impianti elettrici, idraulici e...
      28.00
    • Ristrutturazione cucina
      Ristrutturazione cucina...
      4000.00
    • Urban concrete rett 30x60
      Urban concrete rett 30x60...
      59.00
    • Misura campi elettromagnetici
      Misura campi elettromagnetici...
      200.00
    • Abbonamento base di www.casando.it
      Abbonamento base di www.casando.it...
      96.80
    • Portland325 dove grey 60x60
      Portland325 dove grey 60x60...
      51.00
    • Ristrutturazione bagno
      Ristrutturazione bagno...
      6500.00
    • Larix fume' 20x170
      Larix fume' 20x170...
      90.00
    • Posa cartongesso, pitture e pavimentazioni
      Posa cartongesso, pitture e...
      36.00
    • Inerti, sabbia, ghiaia, pietrame
      Inerti, sabbia, ghiaia, pietrame...
      15.00
    • Abbonamento professionale di www.casando.it
      Abbonamento professionale di www...
      181.50
    • Barbeque napoleon serie triumph - 410sb
      Barbeque napoleon serie triumph -...
      712.00
    • Certificazione energetica per unità immobiliare fino a 100 mq
      Certificazione energetica per...
      150.00
    • Isolamento acustico
      Isolamento acustico...
      450.00
    • Barbecue a carbonella napoleon
      Barbecue a carbonella napoleon...
      270.00
    • Lechuza - bacino
      Lechuza - bacino...
      27.00
    • Dakota tortora 40x170
      Dakota tortora 40x170...
      115.00